Serie 3, classe e versatilità

5 Giugno 2013

ALBEROBELLO. Ancora una decina di giorni e la nuova Gran Turismo Bmw della Serie 3 sarà disponibile. Una vettura di classe con il 2.0 TD e il 335i a benzina, per un vero piacere di guida. A partire da quasi 39mila euro. Nella scelta di ogni vettura l’automobilista tiene conto di tre importanti parametri: estetica, abitabilità e funzionalità. Ebbene, con la new entry della Serie 3, la Gran Turismo, la Bmw ha voluto dare un’interpretazione unica e innovativa a questi tre temi, arricchendo le vetture Premium con un’offerta di gran classe. La terza variante di carrozzeria dell’attuale famiglia di modelli unisce il Dna sportivo e dinamico della berlina alla funzionalità e alla versatilità del modello Touring. Queste qualità sono poi completate da un sensibile aumento dell’abitabilità e del comfort. Allo stesso tempo la GT si presenta con un’estetica molto accentuata, con una piacevole carica emotiva e un deciso piacere di guida.

Grazie a questi fattori la Gran Turismo riesce a convincere sia come un’automobile elegante per l’utilizzo professionale, sia come confortevole e dinamica vettura da viaggio. In essa troviamo le tipiche proporzioni di una Bmw, 4 porte con cristalli senza cornice, una linea del tetto che scende dolcemente verso il posteriore (ispirata ai modelli coupé) e un grande portellone posteriore elettrico ad apertura e chiusura automatica. Lo spoiler posteriore attivo, il primo in una vettura Bmw, assicura leggerezza estetica, riducendo contemporaneamente la portanza durante la guida a velocità sostenuta. Rispetto alla Touring, la GT è cresciuta di 20 cm in lunghezza, di 11 nel passo e di 8,1 in altezza.

La generosità delle dimensioni garantisce ai passeggeri un‘abitabilità confortevole e la massima libertà di movimento in tutti i posti, con una posizione di seduta rialzata di quasi 6 cm, che offre una vista eccellente e facilita notevolmente l’ingresso e l’uscita dalla vettura. C’è pure maggiore spazio per la testa, e nel posteriore ci sono 7 cm in più per le gambe, sicuramente da classe superiore. Design, forme e selezione cromatica e dei materiali degli interni conferiscono alla GT l’atmosfera da lounge, che consente di godersi rilassati anche i viaggi più lunghi.

L’aumento delle dimensioni ha favorito anche la capacità di carico del bagagliaio (rischiarato da strisce luminose a Led), che consente un volume di 520 litri, 25 in più della Touring, con un’ampia zona di carico. Anche l’ultimogenito della Serie 3 è disponibile in una versione d’ingresso e nelle linee di equipaggiamento Sport Line, Luxury Line e Modern Line. In più, dal prossimo luglio sarà disponibile il pacchetto M Sport.

La nuova Bmw Serie 3 Gran Turismo può avere 5 propulsori dai consumi ridotti che coprono un arco di potenza da 143 a 306 Cv. Tutte le motorizzazioni sono dotate della tecnologia BmwTwinPower Turbo. Oltre al motore top di gamma, il 6 cilindri a benzina della 335i GT, ci sono altri due 4 cilindri, montati sulla 328i e sulla 320i, e due diesel, uno da 2.000 cc nella 320d e l’altro nella 318d. La trasmissione di potenza alle ruote posteriori avviene di serie attraverso un cambio manuale a 6 marce. Per tutte le motorizzazioni viene offerto come optional il cambio automatico a 8 rapporti. Entrambi i cambi sono equipaggiati con la funzione start/stop automatico, che contribuisce a ridurre il consumo di carburante.

La sofisticata tecnica di assetto, ricca di componenti in lega leggera, lo sterzo elettromeccanico esente da influssi del motore, la ripartizione equilibrata delle masse tra gli assi (50:50) e la scocca antitorsione in materiali leggeri, assicurano delle buonissime caratteristiche di handling e un elevato livello di agilità e precisione di traiettoria. Il passo allungato (+11 cm), il diametro maggiorato delle ruote e l’equipaggiamento di base con cerchi da 17”, favoriscono piacevolmente sia la stabilità di guida, sia il comfort di viaggio.

Il cockpit della nuova Bmw Serie 3 Gran Turismo è identico a quello della nuova berlina e del nuovo modello Touring. Come da tradizione, il chiaro orientamento verso il guidatore garantisce un accesso ottimale alle principali funzioni di comando. Una strumentazione circolare, dall’ottima leggibilità, con un display realizzato nello stile Black Panel e il monitor iDrive montato a isola nel moderno flatscreen-design, mettono in evidenza un’eleganza davvero funzionale. Molto pratico il ripetitore delle maggiori funzioni proiettato sul cruscotto davanti al guidatore.

L’abbiamo provata in un lungo percorso misto tra Bari e la provincia di Brindisi, dapprima il modello 2.0d, una vettura di poca emozione ma di grande rispetto, poi siamo saliti sulla 335i , completamente diversa dalla precedente, molto più performante, corsaiola, di una potenza da pista. Estremamente divertente, la 306 cavalli della Casa bavarese ha una diversa concezione di guida, improntata a un’eccellente sportività. Solida, sicura, ben piantata a terra, possiede uno sterzo precisissimo e un sound davvero particolare. Quello che fa più impressione è comunque la bruciante accelerazione, gestita da un cambio al volante di precisione race. L’unica attenzione che si deve avere è quella del tachimetro: sale di velocità che è un piacere e in pochi secondi devi già temere la decurtazione di un sacco di punti dalla patente. A salvarli, alla vista di un radar, un impianto frenante modulare, di grande efficacia.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!