Prezzo e prestazioni: le proposte Suv di Mahindra

22 Luglio 2019

BRESCIA. Mahindra non è uno dei nomi più noti nel campo automobilistico italiano, anche perché comparso da non molti anni, così non tutti sanno che il marchio internazionale Mahindra è un gruppo indiano globale con ben 22 settori business e ben 55 stabilimenti produttivi nel mondo. Un universo in espansione con la filosofia “Rise” (crescita), che spazia tra l’altro nei settori auto, moto, agricoltura, ospitality e information technology, nonchè nel mondo delle competizioni a 4 ruote con la Formula E, il campionato mondiale di velocità con monoposto spinte esclusivamente da motori elettrici, conclusosi quest’anno sul circuito cittadino di New York con un buon piazzamento finale. Nei campionati finora disputati Mahindra ha corso 55 gare conquistando 18 podi e 4 vittorie.

In Europa Mahindra è particolarmente frequente in Italia e Spagna in varie attività fra le quali il settore design, avendo acquisito 4 anni fa la maggioranza delle azioni del noto marchio torinese Pininfarina, la società che in 65 anni ha disegnato, tra l’altro, più di un centinaio di modelli granturismo Ferrari. Il reparto automotive procura al gruppo Mahindra il 39% del fatturato, con un incremento delle vendite in Europa del 47%, al punto da diventare il secondo brand con maggiore crescita in Italia. Per il futuro è stato programmato un ulteriore ampliamento della gamma, che sarà composta da 4 modelli Suv e un pick-up. Nel 2021 arriveranno nuovi modelli con il cambio automatico e il Kuv100 totalmente elettrico. Le verioni ibride non sono previste.

Ma veniamo alla presentazione in Franciacorta dei due Suv, quello piccolo denominato Kuv100 (impropriamente definita da qualcuno la Panda indiana), e quello grande, lo Xuv500. Due modelli che stanno avendo molto successo grazie a un restyling molto importante che li ha migliorati in tutti i settori. Partiamo dal Kuv100 svelato poco più di un anno fa e ora abbellito con tanta grinta all’esterno e ampi spazi all’interno. Un CitySuv compatto ancora più completo e conveniente che farà sicuramente discreti numeri di acquisto in questi primi 6 mesi, anche grazie al prezzo di lancio (valido fino al 31 dicembre) di soli 9.990 euro al posto del prezzo di listino di 11.990, con il considerevole sconto di ben 2.000 euro. Un prezzo d’attacco irresistibile per la versione K6+, mentre la versione K8+ costa esattamente 2.000 euro in più, essendo full optional.

Si tratta di un veicolo lungo 3,7 metri dal design accattivante e grintoso, con posizione di guida alta, abitacolo spazioso con 5 posti reali, motore 3 cilindri a benzina mFalcon G80 da 1.2 litri Mpfi con doppia fasatura variabile Vvt, Euro 6, in grado di erogare 87 cv a 5.500 giri/minuto, con coppia massima costante di 115 Nm da 3.500 a 4.800 giri/minuto. La trazione è anteriore e dispone di una pratica leva del cambio manuale a joystick. Le caratteristiche del Mahindra Kuv100 e il notevole rapporto qualità/prezzo hanno consentito di consegnare al cliente finale ben 1.209 Kuv100 in 14 mesi nel nostro Paese. Un exploit non indifferente che ha aumentato considerevolmente la notorietà del marchio Mahindra e ha visto la Casa indiana crescere del 218,02% nel 2018 rispetto al 2017, con picchi di oltre il 600% in alcuni mesi dell’anno. Una grande prestazione svolta dalla rete commerciale composta da 65 realtà imprenditoriali, tra concessionari e officine autorizzate.

Abbiamo testato il piccolo Suv asiatico su una pista di kart all’interno dell’autodromo di Franciacorta, nel Bresciano, riscontrando le notevoli doti di manovrabilità a volte molto utili nei percorsi cittadini, come pure il motore allegro e vivace, adatto a districarsi in ambito urbano ed extraurbano. Simpatica la leva del cambio a joystick, pratica e sicura. Buona anche l’abitabilità e il comfort . Li vale tutti i soldi richiesti.

Lo stile è sicuramente una delle caratteristiche vincenti del Kuv100 Nxt: decisamente originale, con linee marcate sottolineate da profondi tagli sulle fiancate. All’insegna del dinamismo le forme scolpite e le linee decise. Elementi peculiari sono la fascia dei fari anteriori avvolgente, i passaruota pronunciati, le protezioni laterali sottoporta nel colore nero, la linea di cintura alta, lo spoiler integrato con i deflettori anti-turbolenza sopra il lunotto posteriore. Si caratterizza per la sua poliedricità e la forte personalità, coniugando le qualità di un Suv alla praticità di una citycar per muoversi agevolmente in città e parcheggiare con facilità. La posizione di guida alta offre maggiore visibilità, sicurezza e comodità. Il pavimento è piatto, senza tunnel o altri ostacoli e gli occupanti hanno ben 870 mm tra la seduta posteriore e lo schienale anteriore. La gamma vernici include il nuovo Highway Red, dinamico ed estremamente racing. Solo per la K8 è disponibile anche il Designer Grey metallizzato. Sono 8 in totale le scelte possibili, inclusi 3 abbinamenti dual tone con tetto nero. Tra gli optional si possono avere le barre protettive in plastica per le portiere, che slanciano notevolmente la linea longitudinale.

Il fratello maggiore Xuv500 lo illustreremo in un prossimo servizio.

Claudio Soranzo

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!