Nuovi criteri Ncap valutano l’impatto ambientale auto

21 Aprile 2022

Green Ncap ha cambiato i criteri di valutazione dell’impatto ambientale delle auto: l’analisi Lca – “Life Cycle Assessment” (“Valutazione del ciclo di vita”) ha, infatti, sostituito l’approccio “Tank-to-wheel” (“dal serbatoio alla ruota”), il quale – misurando le emissioni climalteranti (i “gas serra”) a livello del tubo di scappamento – faceva risultare le auto completamente elettriche (Bev) e, quindi, prive di emissioni allo scarico – sempre più sostenibili rispetto a quelle alimentate a benzina o gasolio. Per misurare il vero impatto ecologico e la sostenibilità di un veicolo, occorre, invece, analizzarne l’intero ciclo di vita “dalla culla alla tomba”, prendendo in considerazione tutte le risorse e l’energia spesi per produrlo, utilizzarlo e smaltirlo.

Con questo nuovo approccio – si legge in un comunicato dell’Automobile Club – , Green Ncap ha realizzato una prima piattaforma Lca per le autovetture più diffuse sul mercato europeo, calcolando – nel periodo 2019-2021 – le emissioni totali di gas serra del ciclo di vita e la domanda di energia primaria di 61 modelli di diverse dimensioni, peso e tipologia di alimentazione, spaziando dalle auto convenzionali con motori a benzina e diesel, alle auto completamente elettriche e ibride.

In estrema sintesi, i risultati mostrano che le emissioni totali stimate di gas serra e la domanda di energia primaria durante l’intero ciclo di vita del veicolo, possono variare in modo significativo a seconda dei seguenti fattori in ordine di importanza: modalità di produzione dell’energia elettrica, tipologia di motore, peso del veicolo e stile di guida del conducente. Nel caso dei veicoli elettrici la sostenibilità dipende fortemente da come è prodotta l’energia elettrica utilizzata per ricaricare il veicolo, se da fonti rinnovabili oppure se viene prodotta con combustibili fossili. Anche le dimensioni e la massa del veicolo influenzano molto la sostenibilità del veicolo: lo stile di guida può influenzare notevolmente i consumi.

Nell’analisi comparativa si assume una vita utile del veicolo di 16 anni e un chilometraggio totale di 240.000 km. Tutte le valutazioni fanno riferimento alle attuali previsioni di produzione dell’energia elettrica (mix energetico medio dei 27 Stati membri dell’Unione Europea e del Regno Unito). La valutazione Lca proposta da Green Ncap si basa su una metodologia scientifica di avanguardia, sviluppata dal Joanneum Research e sottoposta a verifica dal Paul Scherrer Institute.

L’unicità dell’approccio Green Ncap risiede nelle misurazioni reali delle emissioni del veicolo durante la fase di utilizzo del veicolo. I consumi di carburante e di energia misurati con i protocolli Green Ncap servono come dati di input per le stime Lca. A questi dati la metodologia Lca associa l’attuale modalità di produzione dell’energia elettrica dei Paesi della regione europea, e l’evoluzione prevista e/o stimata della fornitura di energia per i prossimi due decenni.

Per i risultati completi, visitare www.GreenNCAP.com

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!