Il pistoiese Cinelli vince la Cividale-Castelmonte

9 Ottobre 2011

E’ Franco Cinelli su Lola B99/50 il vincitore della 34ma Cividale–Castelmonte. Il forte driver pistoiese, che non ha dato fondo a tutta la potenza della sua vettura, nettamente superiore alle altre, ha fatto fermare il cronometro a 6:43.09. Cinelli precede nell’ordine Stefano Ramon Gazziero (Reynard Nippon), secondo in 6:53.05, protagonista di una rottura del motore avvenuta a cento metri dal traguardo che ha però oltrepassato di slancio, classificandosi comunque secondo assoluto. Marietto Nalon (Lola B99/50) chiude bene la stagione classificandosi terzo in 6:55.85, miglior risultato di sempre alla Cividale–Castelmonte per lui.

Ai margini del podio si piazza l’austriaco Hermann Waldy (Lola B06/51), in 7:00.27, seguito, in quinta posizione, dal fagagnese Gianni di Fant (Porsche 997 Gt3) in 7:05.55. Sesto Andreas Marko (Audi A4), staccato di soli 7 centesimi da Di Fant, in 7:55.62, settimo Antonio Forato (Lamborghini Gallardo) in 7:07.43, ottavo Fausto Chiappo (Ford Focus Wrc) in 7:06.68, nono Hermann Jr Waldy (Dallara F395) in 7:12.63 e decimo Bernhard Gradischnig (Dallara F395) in 7:15.18.

Tra le auto storiche si aggiudica il gradino più alto del podio Franco Cremonesi (Osella Pa/9) in 7:38.48, che precede il cividalese Rino Muradore, che con la sua Ford Escort Rs segna un ottimo crono totale, chiudendo le due manches in 7:51.77. Si classifica terzo, sempre con una Ford Escort Rs, il pilota austriaco Max Lampelmaier, in 7:54.27.

Nel gruppo E3 (Coppa Csai E3) affermazione per il trevigiano Andrea Biasiotto (Bmw M3), con un tempo di 7:36.66, che precede Alberto Feragotto ( Renault Clio Williams), secondo in 7:49.33, e Christian Ronchi (Renault Clio Williams), portacolori della Scuderia Red White, terzo in 8:00.71.

Sfortunata la gara di Morris Grudina che, autore del secondo miglior crono nella prima manche, nella seconda manche, è protagonista di una toccata alla chicane che lo condiziona nel prosieguo della salita, che termina con un tempo di quasi venti secondi più alto rispetto alla prima, chiudendo in settima posizione. La cronoscalata si è svolta in maniera regolare, poche e brevi le interruzioni avutesi nelle due manches, assorbite rapidamente grazie all’ottima organizzazione della Scuderia Red White, ed è terminata alle ore 16.00.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!