De Gasperi vince la Crono

15 Ottobre 2012

Il vincitore nella categoria Auto moderne Diego De Gasperi su Lola Zytek

CIVIDALE. E’ Diego De Gasperi su Lola Zytek il vincitore della 35ma Cividale-Castelmonte. Il forte driver trentino ha fatto fermare il cronometro a 6:55.58, frutto di due salite guidate con precisione e regolarità. De Gasperi precede nell’ordine Adriano Zerla (Osella Pa 21/s), secondo in 6:58.87, ed Hermann Waldy (Lola B06/51), classificatosi terzo in 6:59.80. Ai margini del podio si piazza il fagagnese Gianni di Fant (Porsche 997 Gt3), quarto con un crono record per lui di 7:02.06. Quinto Andreas Marko (Audi A4), staccato di oltre 9 secondi da Di Fant, in 7:11.36, sesto Franco Perini (Radical ProSport) in 7:12.61. Chiudono l’elenco dei primi dieci classificati tra le auto moderne gli austriaci Hanspeter Laber (Ford Escort WRC) e Ferdinand Madrian(Norma M20F), giunti settimo ed ottavo, Ales Prek, pilota sloveno nono su Porsche 911, e Michele Buiatti, decimo sulla sua Mitsubishi Lancer Evo IX.

Il vincitore nelle Auto storiche Franco Cremonesi su Osella Pa9

Tra le auto storiche si aggiudica il gradino più alto del podio Franco Cremonesi (Osella Pa/9) in 7:26.16, precedendo i cividalesi Massimo Guerra (7:46.20) sulla Porsche 911 RS e Rino Muradore, che con la sua Ford Escort Rs segna un ottimo crono totale, chiudendo le due manches ben al di sotto degli otto minuti, in 7:54.28. Nel gruppo E3, auto di scaduta omologazione, affermazione per Morris Grudina (Reanult Clio Milliams), con un tempo di 7:57.83, che precede Marco Naibo (BMW M3), salito in 8:03.44, e Roberto Boscariol (Renault Clio Williams), terzo in 8:07.77.

Il vincitore categoria E3 Morris Grudina su Renault Clio Williams

La cronoscalata, illuminata nel mattino dal sole autunnale, è stata caratterizzata da diverse interruzioni; di rilievo quella che ha permesso di rimuovere dal tracciato la Lola Zytek di Denny Zardo, protagonista di uno sfortunato incidente in gara 1, a breve distanza dalla partenza, a causa del quale non ha potuto poi competere per la vittoria finale. Stessa sorte è toccata a Fausto Chiappo. Superati rapidamente i contrattempi, concentratisi soprattutto in gara 1, grazie all’ottimo lavoro della Scuderia Red White e di tutti i volontari che le gravitano attorno, gara 2 è proseguita in maniera spedita, favorita dalle condizioni atmosferiche stabili, nonostante i nuvoloni pomeridiani.

Conclusasi attorno alle 17.30, la cronoscalata ha vissuto il suo momento finale nel piazzale del Santuario di Castelmonte, dove ai piloti vittoriosi è stata consegnato il meritato trofeo, tra gli applausi e le consuete bottiglie di spumante. Ottimo l’afflusso di pubblico sul percorso ed il riscontro di chi ha seguito la diretta della gara sulla fan page della Scuderia Red White (www.facebook.com/scuderiaredwhite) e sul sito www.scuderiaredwhite.com, con migliaia di contatti a testimoniare l’interesse per questa storica cronoscalata.

Tra le molte storie da raccontare di questa due giorni di motori, riportiamo la più sincera e sentita: il pensiero di tanti piloti per Davide Bogaro, giovane rallysta scomparso pochi mesi fa. Un saluto che a Cividale è diventato anche livrea, per le auto di Matteo di Majo e Marco Marchiol, un saluto per un amico il cui ricordo è sempre vivo. Queste emozioni, il volto sorridente dei tanti premiati e gli applausi del folto pubblico lungo il tracciato rappresentano il giusto epilogo della 35^ edizione della Cividale – Castelmonte, che anche quest’anno ha proposto un grande spettacolo fatto di motori e di amicizia.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!