Carens, design e spazio

20 Aprile 2013

FORTE DI BARD (AOSTA) – Ancora una bella novità per la Kia, la marca coreana del Gruppo Hyundai con vendite positive negli ultimi 2 anni, e il 2012 chiuso a +39%. Si tratta della nuova Carens, un’innovativa MPV a 5 e 7 posti, cugina minore della Carnival (segmento D). Una vettura che avrà sicuramente successo fra gli automobilisti italiani, che hanno imparato ad apprezzare le qualità in rapporto al prezzo d’acquisto e ai costi di gestione della Casa coreana da parecchi anni, e ora i risultati si vedono con la leadership di Kia l’anno passato davanti a Land Rover (+38,3%) e Dacia (+0,5%), mentre tutte le altre marche hanno fatto registrare risultati in negativo. La Carens, giunta alla quarta generazione, fa concorrenza alle pari-segmento C-Max, Scenic e C4 Picasso ed è risultata vincitrice nel 2013 dell’ambito premio Car Design Red dot Award.

Piacerà soprattutto alle famiglie

L’Mpv coreano, a metà strada tra la cee’d Sw e il Suv Sportage, ha spazi interni flessibili e modulabili, con una lunghezza di carico pari a 2,150 metri. Dotata di grande qualità costruttiva, la Carens ha come tutti i prodotti Kia la garanzia di ben 7 anni. I suoi punti di forza sono la piacevolissima linea slanciata, motorizzazioni particolarmente efficienti, l’abitabilità fino a 7 passeggeri e le ricche dotazioni dedicate alla praticità e alla sicurezza. Una vettura che avrà un grande appeal per le famiglie con uno stile di vita moderno e attivo e rappresenta – a detta dei vertici Kia – un passaggio chiave per raggiungere l’obiettivo di entrare nella top ten dei costruttori in Europa. La Carens viene prodotta negli stabilimenti di Zilina, in Slovacchia.

Un design molto attuale

Ha una lunghezza di 4,52 mt ed è 20 mm più corta, 15 mm più stretta e 40 più bassa della versione precedente, ma la spaziosità interna è stata avvantaggiata dall’aumento del passo, cresciuto di 50 mm. Ha un design molto contemporaneo, caratterizzato da luci diurne a Led (di serie) e dalle frecce integrate nei specchietti esterni aerodinamici. L’intonazione sportiva è rappresentata da uno spoiler posteriore, di serie, e da cerchi di grandi dimensioni, fino a 18”.

Tre motorizzazione e due tipi di cambio

Tre i motori a disposizione, due diesel e una a benzina, che coprono potenze da 115 a 136 Cv, con consumi contenuti e ridotte emissioni di CO2. Il più popolare è il propulsore 1.7 diesel, già adottato in altri modelli Kia, con coppie di 260 e 330 Nm. Il motore a benzina è un GDi con alimentazione a iniezione diretta. L’1.6, che già equipaggia Sportage e cee’d, eroga 135 cv e vanta un consumo medio (dati del costruttore) di 6,8 litri per 100 km. E’ disponibile anche la tecnologia EcoDynamics abbinata all’1.7 CRDi da 115 cv che, con Stop&Go e pneumatici a basso attrito di rotolamento riduce ulteriormente consumi ed emissioni. I cambi sono a 6 marce, manuali e automatici, questi ultimi con le “paddles” al volante, a richiesta.

Nelle concessionarie dal 4 maggio

La Carens si potrà ammirare e provare già dal 4 maggio nelle concessionarie Kia durante un porte aperte con una particolare offerta di lancio con un vantaggio per gli acquirenti di 2.000 euro. Cioè potranno avere una versione Class al prezzo della versione Cool (base), oppure la motorizzazione diesel 1.7 CRDi 115 cv al prezzo dell’1.6 GDi a benzina. In aggiunta c’è pure il pacchetto finanziario 4Family per una totale serenità dell’automobilista, con assicurazione auto e programma di manutenzione.

E’ grande, ma si guida con agilità

L’abbiamo provata con grande soddisfazione sull’impervia salita e discesa del forte di Bard con curve strette a cavatappo davvero insidiose, che la nuova Carens ha interpretato con grande agilità. Poi via lungo la strada per Aosta, fino a San Vincent, con un silenziosissimo e velocissimo tratto autostrade, al ritorno, fino all’aeroporto di Caselle. Siamo rimasti colpiti dalla performance di questo Mpv che si guida con estrema leggerezza, non è per niente stancante e devi far attenzione agli autovelox, tanto fila via liscio che non ti accorgi nemmeno di arriva re ben oltre i limiti consentiti di velocità.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!