Vineria La Botte in via Manin

18 Dicembre 2020

UDINE. Il centro di Udine si anima di un nuovo locale. A metà di via Manin, lo splendido edificio Liberty un tempo sede dell’Emporio Viezzi (1907), ospita da qualche giorno la Vineria La Botte, locale accogliete e dal gusto moderno. Dietro al bancone una giovane coppia: Matia Sebastian Viviani, 39 anni, nipote degli storici proprietari della discoteca La Botte di Pradamano (da lì il nome scelto per il locale) e da sempre nella ristorazione; e la moglie Sara Pantarotto, che ha deciso di lasciare il lavoro per questa nuova avventura.

«Abbiamo deciso di proporre quasi esclusivamente vino. Per differenziare un po’ l’offerta, la nostra carta propone anche prodotti da fuori regione, e bottiglie da Slovenia, Austria, Croazia e Francia», ha spiegato Viviani. Ad accompagnare un buon bicchiere, poi, anche dei gustosi assaggi «a base di prodotti tradizionali, come frico, “musetto”, baccalà, pitina…». Una proposta che nei piani dei gestori sarà destina a crescere nel prossimo futuro: «Quando la situazione epidemiologica migliorerà e le regole lo consentiranno, vorremmo proporre anche dei piatti caldi, oltre che delle serate a tema, e alcune degustazioni».

A dare il benvenuto a questa coppia che ha coraggiosamente scelto di dare forma al proprio sogno in un momento tanto complesso, ci hanno pensato Marco Zoratti, presidente di Confesercenti Udine (che segue l’attività per tutti gli espletamenti burocratici e le pratiche), Maurizio Franz, assessore alle Attività produttive, Turismo e Grandi eventi, ed Enzo Mancini, presidente del Comitato per la difesa delle Osterie del Friuli.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!