Venerdì si cucina alla carnica con lo chef stellato Veritti

28 Dicembre 2016

RAVASCLETTO. Il Masterchef carnico, in collaborazione con Carnia Welcome, ha preparato una sorpresa per gli appassionati di cucina: una serata di showcooking e degustazione con lo chef stellato Luca Veritti. La lezione di cucina si terrà venerdì 27 gennaio dalle 19.30 alle 22.30 nel ristorante dell’Hotel “La Perla” di Ravascletto: un’occasione unica di ammirare all’opera un talento nostrano che ha avuto successo e riconoscimenti di assoluto livello: la blasonata Stella Michelin abbinata al proprio nome.

La storia di Veritti è emblematica: ragioniere, in ufficio davanti al computer, sogna di cambiare. E lo fa. Studia per diventare cuoco e inizia a lavorare nelle cucine dei ristoranti, naturalmente inizia col fare la gavetta, affiancando chef celebri. Finirà per approdare a Venezia dove, in silenzio e in perfetto stile carnico, lavorando sodo e mettendoci tutto l’impegno possibile, si pone dietro le quinte del Met Restaurant, all’Hotel Metropole. Cerca di dare la sua impronta lavorando sulla tradizione, che pur caratterizzando la sua cucina, gli pone dei limiti. Allora elabora le stesse ricette guardando alla contemporaneità: le esprime in forme geometriche, colorate, inattese. Il piatto rimane lo stesso, ma è un racconto in due stili, è un messaggio in due lingue. Nasce la cucina Tracontemporanea. In soli 18 mesi la Guida Michelin decide di premiare il talento dello Chef e fa brillare una Stella sul suo nome.

Per Cuciniamo con, Veritti si esibirà in una lezione di cucina – showcooking al ristorante dell’Hotel La Perla di Ravascletto. I partecipanti degusteranno le pietanze accompagnandole con i vini selezionati per l’occasione dalla cantina Vie di Romans. Per partecipare alla serata si può prenotare on line sul sito www.cuciniamocon.it oppure scrivendo a info@cuciniamocon.it o telefonando al 347 5458714. Il Ristorante si trova in Via S. Spirito, 43. Costo per lo showcooking e la degustazione: € 70.

Il menù. Aperitivi: Millefoglie di frico, Scuf fritto e speck, Crema zucca e ricotta affumicata. Antipasto: Trota di Sutrio marinata, radicchio invernale,  polenta croccante, salsa al ginepro e slivovitz di Cabia. Primi: Spaghetti erba e fumo (il mio cjarsons moderno), Riso Carnaroli Acquarello mantecato alle cjastines cotte sulla plota, fonduta di formaggio di malga e profumo di rosmarino. Secondo: Coniglio dalla Carnia a Venezia… arrosto, in umido e fritto. Pre Dessert: Sopa. Dessert: Latte intero, yogurt e pomodoro.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!