Un’opera in mosaico accoglie chi arriva a Spilimbergo

14 Ottobre 2021

SPILIMBERGO. A Spilimbergo venerdì 15 ottobre una giornata di studi sul mosaico e l’installazione dell’opera musiva raffigurante la grande scritta “Spilimbergo “ mosaicata dagli artigiani del territorio e dagli allievi della Scuola Mosaicisti del Friuli. L’Amministrazione comunale di Spilimbergo prosegue, dopo lo stop imposto dalla pandemia, la propria progettualità strategica, “Spilimbergo Città del mosaico”, iniziata a fine 2018, con la giornata di studi intitolata “L’arte musiva fra identità locale e comunicazione globale” che si terrà venerdì al Teatro cinema Miotto di Spilimbergo a partire dalle 14.

Presenti l’architetto Silvana Annicchiarico, design curator, docente all’Isia di Pordenone e tra i vari incarichi anche membro del comitato tecnico scientifico per i musei e l’economia della cultura del Mibac (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), il professor Gianni Canova rettore dell’Università Iulm di Milano oltre che volto noto televisivo di Sky Cinema e la giovane architetto designer Cristina Celestino (che a Pordenone è nata ma opera in tutto il mondo), dopo la laurea alla facoltà Iuav di Venezia, ha fondato un suo brand e ha ottenuto diversi riconoscimenti internazionali. La giornata del 15 ottobre, condivisa con l’Ordine degli Architetti della Provincia di Pordenone e la Regione Fvg, comincerà con un dialogo fra Silvana Annicchiarico e l’architetto Cristina Celestino per mettere a fuoco il rapporto fra design e artigianato, fra grandi imprese e piccole imprese, fra locale e globale, fra piccole serie e grandi serie, fra effimero e durabilità.

Collezionista appassionata di capolavori del Design Italiano e curiosa investigatrice di oggetti, Cristina Celestino fonda il suo lavoro sull’osservazione e la ricerca. Nei suoi progetti, che nascono da una profonda indagine sul potenziale di forme e funzioni, si incontrano riferimenti storici e contemporanei al mondo della moda, dell’arte e del design. Seguirà poi un intervento del prof. Gianni Canova che parlerà dell’importanza della formazione e dell’innovazione formativa nell’Italia della ripartenza dopo il trauma del Covid19 e illustrerà un progetto di video narrazione delle eccellenze artigianali italiane che ha preso corpo ed è partito proprio a Spilimbergo nel 2019 con la realizzazione del docufilm Tessere, proiettato al Festival del design di Oporto in Portogallo e a Superstudio durante il recente Fuorisalone, e che verrà prossimamente programmato su un importante e rinomato canale televisivo. Proprio la proiezione di Tessere, realizzato dallo Iulm Movie Lab per la regia di Giuseppe Carrieri, con la collaborazione e la partecipazione di artigiani locali e della Scuola Mosaicisti del Friuli, concluderà il pomeriggio di lavori.

La giornata di studi “L’arte musiva fra identità locale e comunicazione globale” in programma il 15 ottobre, avrà il suo prologo, in mattinata alle 12.30 sempre a Spilimbergo, in via Udine, con l’inaugurazione del manufatto musivo raffigurante la grande scritta “Spilimbergo”, alta 200 cm, mosaicata dagli Artigiani spilimberghesi (Rino Pastorutti, Marzia Canzian e Denise Toson con Martina Morassi, Andrea Giulia Paliaga, Gabriele la Sala, Chiara Platolino, Eric Bonsu, Isabella Petrangeli, Mohamed Chabarik con Eleonora Zanier, Dagmar Friedrich con Marzia Truant e Gabriella Buzzi) e dai giovani allievi della Scuola Mosaicisti del Friuli. Collocata proprio all’ingresso della città, l’installazione musiva accoglierà cittadini e visitatori ricordando a tutti che stanno entrando nella città del mosaico.

Per informazioni e prenotazioni si prega di chiamare l’Ufficio Cultura-Turismo della Città di Spilimbergo allo 0427 591 115, mail: cultura@comune.spilimbergo.pn.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!