Unesco Marathon countdown Intanto premia i sostenitori

29 Novembre 2014

CIVIDALE. Quattordici nazioni, 15 regioni, 52 province, 1.052 iscritti. I numeri testimoniano la crescita dell’Unesco Cities Marathon. E c’è poi un altro dato che merita attenzione: l’ampio sostegno del territorio ad un evento la cui risonanza va al di là dell’ambito sportivo. Unesco Cities Marathon è anche arte, storia, enogastronomia, folklore, solidarietà, tutela dell’ambiente. E’ un grande contenitore che va riempito con l’essenza di un territorio. La felice edizione 2014 della maratona da Cividale ad Aquileia è stata solo una tappa. La complessa macchina organizzativa dell’Unesco Cities Marathon è ripartita quasi subito, con obiettivo il 29 marzo 2015, data della terza edizione.

UCM15_le_autorità_bA Cividale, intanto, la maratona dei luoghi dell’Unesco ha voluto rendere omaggio a quanti hanno collaborato in occasione dell’evento 2014. Il territorio – le istituzioni, le associazioni, le società sportive, il mondo del volontariato in genere – ha fatto passerella nella suggestiva cornice del Resort “Al Castello”, in una serata che è servita anche a lanciare il conto alla rovescia verso l’edizione del prossimo anno. A fare gli onori di casa, il sindaco Stefano Balloch, che ha sottolineato la portata dell’evento. “L’Unesco Cities Marathon è una manifestazione di ampio respiro, una grande opportunità di valorizzazione della nostra realtà – ha detto il primo cittadino -. Ma è anche uno strumento che consente di ridurre le distanze all’interno di un territorio che prima non sempre si parlava e che ora, invece, ha molte più occasioni di dialogo, e non solo sul versante sportivo”.

UCM15_una_panoramica_della_sala_bTra le autorità intervenute alla serata, il viceprefetto vicario di Udine Francesco Palazzolo, l’assessore provinciale allo Sport Beppino Govetto, il direttore della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia Guglielmo Berlasso, il presidente della Fondazione Aquileia Alviano Scarel, il vicepresidente della Fondazione Crup Oldino Cernoia, il presidente dell’Associazione Friulana Donatori di Sangue Renzo Peressoni, il dirigente della Questura di Udine Michelangelo Missio e il segretario del Comitato regionale della Federazione di Atletica Leggera Franco De Mori. Presente anche Roberto Novelli, colui che nel 2012 ha lanciato l’idea di una maratona che collegasse i luoghi friulani dell’Unesco.

Giuliano Gemo e Giuseppe Donno, rispettivamente presidente e segretario generale dell’Unesco Cities Marathon, hanno sintetizzato le linee guida dell’evento 2015, che sarà impreziosito dall’abbinamento con una tappa del campionato italiano handbike, organizzato in collaborazione con l’associazione “Basket e non solo”. Verrà inoltre riproposto l’Unesco Cities Marathon Art Prize, il concorso d’arte promosso da Alessandro Venuti per valorizzare la creatività degli artisti locali. Tra maratona, maratona a coppie e Iulia Augusta Run (16,595 km) c’è anche un obiettivo numerico: i 1.500 iscritti. Un fiume di atleti e la forza di un territorio pronto, ancora una volta, a fare squadra.

Le foto sono di Gianni Strizzolo/Photolife.it

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!