Una X in più in Casa Bmw: la 1 cambia pelle e diventa Sav

1 Novembre 2015

FORLIMPOPOLI. La “famiglia X” di Bmw si è allargata con l’aggiunta della X1. Un modello accolto bene dal mercato (arriva a raccogliere il 10% delle vendite della Casa bavarese; in Italia 43.500 vendute dal primo lancio), che va a consolidare i Suv con la X (che in Bmw si chiamano Sav, Sport Activity Vehicle) della Casa, che a loro volta si avvicinano al 30% nelle preferenze della clientela.

AS3Y5011-2Per avvicinarsi di più alla gamma X la nuova 1 – presentata nei dintorni di Forlì e già nelle concessionarie da qualche giorno – ha dovuto ovviamente cambiare un po’ pelle. Il passaggio, secondo noi, ha giovato a questa vettura, che ora mostra una personalità più chiara e definibile. Non solo di mutamenti estetici si è trattato, ma anche qualche ritocco alle dimensioni, grazie al fatto che la nuova architettura ha consentito di mettere sotto il cofano i motori in senso trasversale. Quindi è un filino più corta (4,43 cioè -15 mm) e più alta (+5 cm), con un passo accresciuto. Cambiando profilo, la X1 guadagna anche spazio utile nel bagagliaio (85 litri), che ora va da un minimo di 505 a un massimo di 1.550 litri. Comfort, in un certo senso, per i bagagli, ma non dimentichiamoci i passeggeri. Quelli posteriori hanno a disposizione sedili che sono regolabili avanti/indietro di 13 cm.

AS3Y4934-2Ampia la scelta di motorizzazioni – più diesel che benzina, almeno in Italia – sia a 3 che a 4 cilindri. Importante novità per quanto riguarda la trazione: non soltanto quella integrale (Xdrive) è stata ottimizzata, ma è anche possibile – solo con alcuni propulsori, però – avere una X1 con la sola trazione anteriore. Come per le “parenti” più grandi è possibile avere – nell’ambito della tecnologia ConnectedDrive – l’Head-Up-Display, che visualizza le informazioni più importanti per il guidatore direttamente sul parabrezza, una soluzione che provando le Bmw apprezziamo sempre, specie per quanto riguarda le indicazioni (sommarie ma sufficienti) del navigatore. Naturalmente, la X1 è equipaggiabile con molti altri sistemi di sicurezza, come l’Active Cruise Control con funzione Stop & Go (una vera benedizione nelle code di vario genere), il Lane Departure Warning (assistente di guida in colonna), l’Approach and Pedestrian Warning con funzione frenante City, tanto per citarne alcuni che accrescono in questo modella l’assistenza fornita al guidatore. Un’altra interessante opzione sono le sospensioni regolabili.

Tre gli allestimenti possibili in aggiunta a quello di base: xLine (che ha una vocazione leggermente più fuoristradistica), SportLine e Msport (con assetto ribassato), con prezzi che vanno da 30.550 a 50.500 euro.

AS3Y5261-2L’incontro di Forlimpopoli è stata occasione anche per presentare (e provare) la Serie 3, rinfrescata in occasione del suo ciclo vita (7 anni) giunto a metà strada. E’ un modello “storico” di Bmw, con 40 anni e 14 milioni di esemplari venduti alle spalle. In Italia la preferita è però la versione Touring, che sarà rinnovata più avanti. Solo per l’Italia è disponibile una versione in serie limitata (solo 100 esemplari), celebrativa dei 40 anni: prezzo circa 60 mila euro. I punti salienti del “ritocco” sono una maggiore sportività (riviste tra l’altro le sospensioni) ed efficienza nei motori, cui si aggiunge una maggiore cura nelle rifiniture. Esteticamente il mutamento si nota poco, tranne per l’aspetto dei fari, che ora sono full led.

AS3Y6788-2I cambiamenti più significativi stanno quindi nei propulsori, tra cui un 3 cilindri benzina, una new entry nella Serie 3. Rinnovato anche il 6 cilindri bi-turbo: il 340i ha un nuovo percorso di raffreddamento dell’aria compressa, innovazione che consente una migliore risposta all’acceleratore. Motivato forse dai climi più freddi del Nord Europa, ma comunque efficace anche in altre situazioni è l’adozione… dell’uovo di Colombo. Un guscio, infatti, sigilla completamente il propulsore per mantenerne più a lungo la temperatura e quindi facilitare il riavvio. I diesel (316d, 318d e 320d) offrono ora potenze maggiori rosicchiando nel contempo i consumi. La trazione integrale continuerà a essere disponibile su quasi tutta la gamma. I prezzi vanno da 31.400 a 60.500 per la berlina e da 33.250 a 62.150 per la Touring. In arrivo poi, nella prima metà del 2016, la 330e plug-in hybrid, in grado di percorrere una trentina di chilometri con la sola alimentazione elettrica.

Silvano di Varmo

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!