Una nuova interrogazione sul numero dei posti letto Covid

7 Settembre 2021

TRIESTE. Come annunciato da Sinistra italiana Fvg lunedì 6 settembre è stata depositata alla Camera l’interrogazione parlamentare a risposta scritta a firma Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, sui numeri irreali dei posti letto in terapia intensiva dichiarati dalla giunta Fedriga in regione.

E’ la seconda volta che Fratoianni interviene nel giro di pochi mesi con una interrogazione parlamentare sulla gestione della sanità in regione, la prima fu ad Aprile e ha raggiunto come risultato l’invio degli ispettori del Ministero della Salute. Questa volta, a differenza di aprile, i numeri di posti letto sono stati sovrastimati: l’Aaroi Emac Fvg, associazione di rianimatori e anestesisti, è intervenuta – si legge in un comunicato – in riferimento ai 175 posti letto ‘attivi’ riportati sul sito nazionale Agenas, precisando che “tale numero è assolutamente irreale perché riferito ai posti raggiunti in piena crisi pandemica e poi in gran parte smantellati a fine della terza ondata e di fatto mai più riaperti”. I posti letto di anestesia in regione non sarebbero più di 80.

“Il gioco di Fedriga e Riccardi è chiaro: evitare ad ogni modo la zona gialla, anche al costo di mettere a rischio la salute pubblica”. Dichiara il segretario regionale Sebastiano Badin. Nell’interrogazione del leader della Sinistra di opposizione al governo Draghi si chiede “se il Ministro non intenda rendere noto l’esito dell’attività ispettiva svolta in Friuli Venezia Giulia dagli ispettori ministeriali e quali ulteriori iniziative di competenza intenderà assumere qualora venisse confermato l’errato computo in eccesso delle terapie intensive effettivamente attive e operative in regione così come denunciato dall’Aaroi Emac Fvg”.

Il 23 settembre Fratoianni sarà in regione e l’argomento sanità verrà sollevato durante le iniziative di partito,

Condividi questo articolo!