“Un referendum importante senza campagna elettorale?”

3 Marzo 2020

TRIESTE. «Si assicuri la regolarità del referendum costituzionale del 29 marzo». È la richiesta formulata oggi, in Aula, al presidente della Regione dal capogruppo del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo, che ha interrogato la Giunta regionale per sapere se intenda sostenere presso il Governo l’opportunità di un rinvio della consultazione.

«La regolarità del voto deriva anche dalla regolarità della campagna elettorale, che consente di rispettare e garantire il diritto di elettrici ed elettori a una piena informazione su un argomento così delicato come una riforma costituzionale e di dare vita a un dibattito pubblico in cui ogni cittadino possa maturare la propria opinione – ha spiegato Moretuzzo –. A oggi, viste le eccezionali misure adottate sul territorio italiano e in particolare nelle regioni del Nord, per contrastare la diffusione del Corona Virus, con il divieto di organizzare qualunque evento pubblico, la campagna referendaria è di fatto inesistente. Pure il Comitato promotore della consultazione ha chiesto al Governo l’apertura di un tavolo di confronto per valutare la situazione».

La preoccupazione di Moretuzzo – espressa nelle ultime ore anche dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà – è stata condivisa pure dall’assessore Pierpaolo Roberti.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!