Tra chiacchiere e fornelli ritorna con tre appuntamenti

28 Settembre 2015

PORDENONE. A settembre riparte “Tra chiacchiere e fornelli”, un mercoledì al mese dalle 18.30 in poi nelle diverse cucine di Vallenoncello: Parrocchia, Casa Sist, in piazza. L’idea nasce dalla voglia di conoscersi attraverso la scoperta di altri sapori e ricette ed è nata tra i partecipanti del corso di italiano per stranieri che il progetto Genius Loci, insieme alla collaborazione di volontari del quartiere, ha portato avanti negli ultimi due anni. Ecco le prime date: 30 settembre, 28 ottobre e 25 novembre. Le serate sono strutturate in modo da condividere il momento di preparazione, di cucina e di assaggio. A disposizione anche uno spazio-gioco dedicato ai più piccini per favorire la partecipazione delle famiglie più numerose. L’obiettivo è duplice, incontrarsi e conoscersi da una parte, imparare e degustare ricette di Paesi o regioni diverse rispetto alla propria dall’altra.

Gli appuntamenti sono realizzati grazie alla collaborazione delle varie realtà del quartiere, che con regolarità si incontrano e si confrontano nelle assemblee di quartiere (Caritas Parrocchiale, Circoscrizione Sud, Avis, Il Gruppo Marciatori di Vallenoncello, la Parrocchia e singoli cittadini). Chiunque desideri partecipare, può inviare la sua adesione entro due giorni dalla data prefissata per ogni singolo incontro. Adesioni tramite pagina Progetto Genius Loci, email geniuslociprogetto@gmail.com o telefono 366.5711417. Quota di partecipazione a offerta libera.

Genius Loci è il progetto attivo nella Circoscrizione Sud di Pordenone, nato dalla collaborazione tra Azienda sanitaria Friuli Occidentale, Provincia, Comune di Pordenone e Cooperative sociali Acli, Fai e Itaca per l’attivazione di un nuovo welfare di comunità che veda i cittadini attivi nel modificare il proprio contesto di vita, fianco a fianco con servizi ed istituzioni. Il progetto si avvale di operatori di comunità presenti nei quartieri per costruire progetti di promozione del benessere insieme ai cittadini, alle associazioni, alla scuola, alle parrocchie, alle istituzioni socio-sanitarie del territorio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!