Tatiana Rojc (Pd): le scuole slovene senza organico

3 Agosto 2021

TRIESTE. “Il Governo adotti le iniziative di competenza verso i vertici della Direzione Generale dell’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia affinché assicurino il pieno rispetto delle vigenti norme in materia di tutela della minoranza slovena del Friuli Venezia Giulia. La decisione di non assegnare l’organico di fatto per le sole scuole con lingua d’insegnamento slovena risulta illegittima e illecita, perché contraria alle vigenti norme di tutela della minoranza slovena, a loro volta supportate da Trattati internazionali ed Accordi bilaterali tra Italia e Slovenia”.

Così la senatrice Tatjana Rojc (Pd) in un’interrogazione al Ministro dell’Istruzione, e al Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, dopo aver appreso che l’ufficio per l’Istruzione in lingua slovena presso l’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia ha inviato una nota ai dirigenti scolastici delle scuole con lingua d’insegnamento slovena, onde verificare la possibilità di recuperare ore d’organico – del cosiddetto organico di fatto – in esecuzione di precise indicazioni ricevute dalla locale Direzione regionale del Friuli Venezia Giulia.

“In assenza di disposizioni di legge o di indicazioni ministeriali – continua la senatrice -nel senso intrapreso dalla Direzione Generale dell’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia, una simile decisione, gravissima nei modi e nei termini laddove confermata, parrebbe assumere tratti di forte soggettivismo, posto che la specificità del sistema di istruzione in lingua slovena è ben nota ed è inverosimile – conclude – che non ne sia a conoscenza la Direzione Generale dell’Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!