“Struttura green” per Sereni Orizzonti di Pasian di Prato

6 Agosto 2019

PASIAN DI PRATO. L’amministratore delegato di “Sereni Orizzonti” Valentino Bortolussi e Stefano Toscani dello Studio Tea hanno ricevuto dall’ingegner Teresa Ceccato di Paradigma Italia la speciale certificazione “Struttura Green” per la Rsa costruita a Pasian di Prato.

Come tutti gli altri edifici realizzati da “Sereni Orizzonti” nel resto d’Italia, anche questa nuova residenza sanitaria assistenziale presenta caratteristiche all’avanguardia per quanto riguarda l’ecosostenibilità e il risparmio energetico. Realizzata in classe energetica A3, sarà infatti in grado di produrre autonomamente circa 250.000 kWh di energia (pari al 60% del suo intero fabbisogno) e di ridurre fortemente l’emissione in atmosfera di anidride carbonica. Un risultato notevole ottenuto anche grazie all’impianto solare termico sul tetto per uso sanitario e integrazione al riscaldamento, al recuperatore termodinamico del calore contenuto nell’aria espulsa e alla pompa di calore ad alta efficienza che in gran parte utilizza energia rinnovabile.

Con l’utilizzo di sistemi di riscaldamento da fonti naturali rinnovabili si migliora l’impronta ecologica, viene incrementata l’indipendenza energetica, si ottiene un significativo vantaggio economico grazie a incentivi e risparmi in bolletta. Ecco perché Paradigma Italia ha scelto di premiare il gruppo friulano “Sereni Orizzonti” – leader in Italia nella costruzione e gestione di Rsa per anziani non autosufficienti – per la scelta ecologica di installare un “Sistema Solare Aqua”, suo brevetto esclusivo che da oltre vent’anni garantisce rese energetiche senza paragoni anche nelle stagioni fredde e completamente privo dell’inquinante glicole all’interno del circuito. Grazie all’installazione di una superficie di oltre 73 mq lordi di pannelli solari sottovuoto, la Rsa a Pasian di Prato evita così la diffusione in atmosfera ben 11.857 kg di anidride carbonica all’anno (pari a 237 tonnellate di CO2 in 20 anni): un risultato ambientale assimilabile alla piantumazione di ben 1.189 nuovi alberi.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!