Spiragli di chiarezza sulla grave crisi sanitaria in Fvg

27 Novembre 2022

TRIESTE. “Dal direttore Tonutti parole finalmente chiare che tolgono ogni dubbio sulle criticità della sanità pordenonese, ma in realtà di tutto il Fvg, e che rinviano direttamente alla responsabilità politica della Giunta Fedriga. Da ora in poi auspico che non sentiremo più dall’assessore Riccardi narrazioni inverosimili su servizi sanitari che funzionano, sondaggi o analisi lontane dai cittadini. Purtroppo è tardi per sperare di invertire la rotta in questa legislatura, ma è un fortissimo impulso per aumentare il lavoro del Pd all’alternativa a Fedriga, che ha sempre difeso le scelte del suo assessore e ne condivide totalmente la responsabilità”.

Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Renzo Liva, commentando le parole del direttore generale dell’Azienda sanitaria del Friuli Occidentale, Giuseppe Tonutti, il quale ha dichiarato esplicitamente una carenza di medici e di sanità territoriale e ha giudicato “durissima” la situazione del Pronto soccorso di Pordenone.

“C’è stata una gravissima sottovalutazione – spiega il segretario dem – dei problemi dei Pronto soccorso, dall’immobilità totale nel 2018 e 2019 al dramma del Covid agli scontri sugli atti aziendali, e Riccardi sempre in tv o forse distratto dalla terza corsia. Forse finirà lo scaricabarile su Roma visto che lo Stato non c’entra nulla se i nostri medici sono tra i meno pagati d’Italia e fuggono in altre Regioni o nel privato. Non si è mai speso tanto in sanità in Fvg come in quest’ultimo periodo e mai – precisa Liva – si sono visti risultati così pessimi per cittadini e operatori”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!