Sono stati un centinaio gli Anziani “in” movimento

24 Dicembre 2018

TRICESIMO. Anziani “in” movimento, iniziativa di aggregazione ed attività motoria riservata alla popolazione della terza età organizzata dell’associazione Che Spettacolo di Tricesimo, ha concluso il suo programma registrando ben 96 anziani partecipanti all’articolato programma. Grazie al contributo della Fondazione Friuli ed alla collaborazione dei comuni di Moimacco, Pagnacco e San Leonardo la società organizzatrice, forte della professionalità del responsabile scientifico prof. Claudio Bardini e dal cardiologo dott. Duilio Tuniz, è riuscita nell’intento di sensibilizzare la terza età sui benefici che garantisce una vita sana ed in costante mirato movimento.

Nei tre citati territori comunali lo staff operativo ha prima promosso il progetto attraverso la distribuzione porta a porta di un flyer contente il programma ma sopratutto importanti nozioni scientifiche oltre che una serie di esercizi ginnici da poter realizzare in autonomia nelle proprie case. Una comunicazione che ha incuriosito molto la popolazione anziana che è stata invitata a partecipare ad un incontro di presentazione nei tre territori; presentazione che è stata volutamente tanto formale, assemblea in Comune, quanto informale, successivo incontro aggregante basato sulla enogastronomia, la musica ed il ballo grazie al maestro Antonello Gherardi.

Creato in tal modo il gruppo, gli anziani sono stati invitati a partecipare alle lezioni pratiche in palestra tenute da docenti laureati in Scienze Motorie ossia al secolo i professori Ugo Cauz, Nicola Cordoprati e Mattia Sermonico che li hanno seguiti per due mesi con esercizi atti a migliorare il loro status fisico e di conseguenza anche psichico. L’iniziativa ha avuto un tale successo che, grazie alla disponibilità degli Enti comunali, avrà un seguito pratico con lezioni che proseguiranno anche nel 2019.

L’organizzatore Massimo Piubello ritiene di aver perseguito completamente il risultato ossia gli obiettivi prospettati alla Fondazione Friuli in sede di richiesta del finanziamento “in quanto oltre che sensibilizzare la popolazione anziano di tre paesi ove non vi era un’attività di questo tipo o qualità abbiamo la grande soddisfazione data dal successo della numerosa, quasi inaspettata, partecipazione ma soprattutto la richiesta di dare continuità all’attività motoria e di aggregazione”. Il Presidente della Fondazione Friuli dott. Giuseppe Morandini: “La partecipazione così numerosa al progetto dimostra il desiderio delle persone non più giovani di partecipare ad attività motorie pensate appositamente per loro, ma anche la loro voglia di farsi coinvolgere in esperienze di aggregazione e divertimento ed è grande la soddisfazione di tutti noi della Fondazione Friuli per aver contribuito a dare alla comunità di anziani l’attenzione che merita”.

Condividi questo articolo!