Si premia il basket friulano

21 Settembre 2015

RIVIGNANO TEOR. Quando l’attuale presidente onorario del Comitato Provinciale Fip di Udine, geometra Ennio Bon, propose 29 anni or sono la Panchina Verde ora Green Coach forse non immaginava si arrivasse a quello che il prossimo 23 settembre sarà appunto il 29° appuntamento per le premiazioni della pallacanestro provinciale guidata dal professor Claudio Bardini, che Massimo Piubello storico partner commerciale ed ora anche organizzatore dell’evento, definisce amichevolmente “duracell”, viste le innumerevoli iniziative che propone al territorio.

La prossima edizione del Green Coach, targa nuovamente assegnata dopo lo stimolante stop del 2014, sarà sviluppata nella solita forma che vedrà sfilare, con specifico invito d’indossare le divise di gara quale emblema di appartenenza, le squadre meglio classificatesi nella loro categoria ed una lunga serie di Personaggi, con la maiuscola, legati al mondo del basket che, anche grazie alla nazionale, sta vivendo un momento di ottima visibilità. La sede delle premiazioni campionati 2014-15 sarà Rivignano, piazza storica della palla a spicchi grazie alla locale Olympia Basket che ha accolto con grande entusiasmo questo assist per il suo movimento in stretta sinergia con il locale Comune di Rivignano Teor che ha messo a disposizione il palasport di Via Ungaretti.

Il patrocinio della Provincia di Udine abbinato a quello di altri soggetti quali Always Entusiasmo, Basket e non solo, Scuola media dello sport di Tavagnacco, Sport Movimento Salute, garantiscono ufficialità e grande eco alle oramai storiche premiazioni. Una serata sottotitolata “un canestro per la vita” per le tematiche, tutte abbinate a singoli mirati riconoscimenti, che saranno sviscerate con saggezza dal Prof. Bardini a partire dalle 17.45, con il grande finale garantito dalla collaborazione con la APU-Gsa che giocherà, palla a due alle 20 a ingresso gratuito, una gara amichevole contro la squadra di Portorose.

Il presidente regionale Fip Giovanni Adami apprezza questa storica iniziativa che vedrà attori protagonisti anche il tradizionale archivio storico di Alberto Cecere oltre che il Corso di Laurea in Scienze Motorie dell’Università degli Studi di Udine per i suoi neo laureati con tematiche sulla pallacanestro, senza dimenticare il “Time out del ricordo” che il duo Bardini-Piubello propone partendo da Matteo Molent per ricordare, e far ricordare dai presenti, chi ha lasciato il segno prima di lasciare anche il mondo non solo della pallacanestro provinciale.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!