Sette studenti del “Tomadini” ai vertici dell’Orchestra dei Conservatori

29 Giugno 2016

UDINE – L’Orchestra Nazionale Sinfonica dei Conservatori Italiani (ONCI), progetto coordinato dalla Conferenza dei direttori dei Conservatori di Musica e sostenuto economicamente dal MIUR, mantiene sin dalla sua fondazione un rapporto privilegiato con il Conservatorio di Udine in virtù dei lusinghieri successi costantemente ottenuti dai suoi studenti in occasione delle audizioni nazionali operate su segnalazione dei direttori dei conservatori statali e non statali e degli istituti superiori musicali.

La ristrutturazione dell’orchestra, avvenuta lo scorso anno, ha coinciso con la selezione operata nell’ambito del “Premio Claudio Abbado”, in occasione del quale il “Tomadini” è risultato al terzo posto in Italia quanto a numero di borse di studio conquistate e al nono posto in relazione alla graduatoria generale per tipologia di premi. L’Orchestra ONCI ha altresì esordito con un memorabile concerto tenuto nel luglio scorso al Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” quale inaugurazione della passata edizione del Mittelfest.
Le audizioni svolte recentemente a Roma al fine di programmare due progetti concertistici – diretti da Enrico Dindo e Giuseppe Grazioli, solista Marco Rizzi – in forma di campus estivo che si terrà a Cesena nel settembre prossimo, hanno confermato e superato ogni aspettativa, con ben sette studenti del Conservatorio di Udine collocati ai primissimi posti nelle categorie Arpa, Clarinetto, Fagotto, Flauto e Violino: primo posto con idoneità per ottavino e per primo e secondo flauto assegnato a Claudia Mauro, primo posto con idoneità per primo e secondo clarinetto a Federico Martinello, primo posto su ben quaranta candidati alla violinista Vanja Radlovački, secondo posto per violino di spalla a Giulio Greci, secondo posto all’arpista Tadeja Kralj, terzo posto con idoneità per secondo fagotto ad Alessandro Bressan, quinto posto, infine, assegnato al violinista Aleš Lavrenčič.

Con la sua attività l’Orchestra ONCI promuove il sistema dell’alta formazione musicale, creando occasioni altamente professionalizzanti per i migliori studenti dei conservatori italiani attraverso programmi sinfonici impegnativi, dedicati in particolare alla musica italiana e con la collaborazione di solisti e direttori d’orchestra di chiara fama, attività altamente meritoria nell’ambito della quale gli studenti del Conservatorio di Udine offrono costantemente un contributo di assoluto livello didattico e artistico.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!