Sbloccati i fondi per artigiani. Domande dal 18 giugno

13 Giugno 2015

TRIESTE. Finalmente sbloccati i contributi a fondo perso per il settore artigiano del Fvg. Lo rende noto il Cata Artigianato Fvg, società creata da Confartigianato Fvg, CNA Fvg e Slovensko Deželno Gospodarsko Združenje – URES che opera su delega della Regione nella gestione di alcuni canali contributivi. Lo stesso Cata informa infatti che dalle 9.15 del 18 giugno saranno riaperti i termini per la presentazione delle domane di contributo. Le domande dovranno essere inviate tramite Pec con sottoscrizione digitale dei documenti tramite i dispositivi Smart Card o Token usb e la tempestività dell’invio è di grande importanza.

L’ammontare totale dello stanziamento regionale per il 2015 è di circa 2 milioni di euro, che andranno suddivisi per provincia e per linea contributiva, in modo da poter supportare le esigenze delle imprese di ogni provincia. I fondi sono previsti dalla legge regionale 12/2002, oggi l’unico strumento a favore del settore artigiano con un aiuto a fondo perduto secondo la regola del «de minimis» che va da un minimo del 30% a un massimo del 50% della spesa ammessa. Il provvedimento punta ad aumentare la competitività delle imprese e di renderle competitive con prodotti ad alto valore aggiunto.

Le linee attivate per quest’anno sono per le imprese di nuova costituzione; per l’adeguamento di strutture e impianti, per la partecipazione a mostre e fiere, per l’artigianato artistico, per consulenze e per le microimprese. Le domande dovranno pervenire al Cata Artigianato Fvg entro e non oltre le 16.30 del 30 settembre ad esclusione della linea “mostre e fiere” per la quale sarà possibile presentarle fino al 31 dicembre.

Ma non è tutto. Un altro strumento della Regione per il mondo artigiano è il PAS (Piano Annuale di Settore), che comprende importanti aeree di intervento e servizi ad alto valore aggiunto tra cui progetti di animazione economica finalizzati alla promozione e diffusione della cultura artigiana e alla promozione delle opportunità offerte dal settore artigiano; progetti di orientamento e assistenza finalizzati al rafforzamento competitivo delle imprese artigiane che comprendono attività dirette a potenziare e migliorare lo sviluppo delle imprese esistenti mediante l’offerta di servizi immateriali delle imprese artigiane senza nessuna distinzione di anzianità; progetti di incubatore d’impresa, finalizzati alla riduzione della mortalità delle nuove imprese artigiane (fino a 24 mesi di anzianità), rafforzandole e sostenendole nel primo periodo di attività mediante l’offerta di servizi materiali ed immateriali; progetti per la valorizzazione dei mestieri artigiani da attuarsi attraverso la bottega scuola; per tali finalità i progetti comprendono attività che mettano in relazione il mondo dell’artigianato con le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.

Informazioni allo 040-636565.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!