Sarah Bradassi eletta Infermiera dell’anno a Trieste

23 Luglio 2017

TRIESTE. E’ Sarah Bradassi l’infermiere dell’anno 2017, a Trieste: la proclamazione nella serata di venerdì 21 luglio, alle “Terrazze” a Grignano, nell’ambito della annuale Serata di solidarietà del Collegio Ipasvi, che sigla il rush finale del Premio Sossi “L’infermiere dell’anno”, giunto alla 4^ edizione, e che lancia contestualmente il bando per l’assegnazione di un progetto proposto da una associazione fortemente radicata sul territorio.

Sarah Bradassi è operativa presso il CSM della Maddalena, dopo alcune esperienze alla Clinica Medica e nel Distretto 4 a San Giovanni. E’ risultata vincitrice dopo un testa a testa con tre colleghe approdate insieme a lei alla fase finale: Maria Beatrice Anselmi, Barbara Mazzocchini e Paola Sclauzero. Promosso dal Collegio Ipasvi Trieste con la collaborazione del quotidiano Il Piccolo il premio è finalizzato alla valorizzazione del ‘take care’, prendersi cura, caratteristica prima della professione infermieristica. A curare ogni fase del Premio, come sempre, la commissione giudicante composta da Franca Masala, Cecilia Trotto, Ariella Raunikar e Massimiliano Pellizzer del direttivo Ipasvi Trieste. Il trofeo Sossi “L’infermiere dell’anno” è stato consegnato a Sarah Bradassi a conclusione di una affollatissima serata da Armin Curzolo, il marito di Valentina Sossi cui è dedicato il riconoscimento. Il presidente di Ipasvi Trieste Flavio Paoletti ha presentato le quattro finaliste e affidato a Franca Masala il compito di leggere le motivazioni legate all’assegnazione del Premio, che alle preferenze ricevute attraverso il voto dei cittadini incrocia la professionalità e la capacità di relazione umana dei finalisti: doti fondamentali per chi porta avanti ogni giorno la professione infermieristica in prima linea, dalle sale operatorie alle corsie dell’ospedale, alle residenze dedicata a cittadini anziani.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!