Sagra di Qualità: il marchio consegnato a 4 pro loco Fvg

22 Gennaio 2020

Vilegnove

ROMA. Grande emozione per quattro Pro Loco del Friuli Venezia Giulia che a Roma, nella Sala Koch del Senato, hanno ricevuto il marchio “Sagra di Qualità” dell’Unpli, l’Unione nazionale Pro Loco d’Italia. Un riconoscimento esclusivo che finora è stato assegnato a sole 49 realtà in tutta Italia (21 l’anno scorso e 28 nella cerimonia dell’altro giorno). Fra i principali requisiti per l’assegnazione del marchio, la valorizzazione dei prodotti tipici legati ai territori e di piatti rappresentativi della storia e della tradizione.

Casarsa

A ricevere il marchio la Fiera Regionale dei Vini di Buttrio, la più antica del suo genere a livello italiano, la Sagra del Vino di Casarsa, evento dedicato alle bollicine del territorio sempre più richieste sul mercato internazionale, della Sagra degli Asparagi di Tavagnacco incentrata sul prodotto agricolo simbolo della primavera e la Sagre di Vilegnove di Villanova di San Daniele, il cui piatto tipico sono i tagliolini al prosciutto crudo. Oltre ai presidenti delle quattro Pro Loco organizzatrici hanno ritirato il premio sindaci e amministratori locali delle cittadine coinvolte.

Buri

“Il marchio Sagra di qualità punta ad esaltare e qualificare attività che si distinguono anche per i loro contenuti: dall’estrema genuinità dei prodotti, all’eco-sostenibilità, al pieno coinvolgimento delle attività economiche locali – ha sottolineato il presidente dell’Unpli Antonino La Spina -. Un premio attribuito non soltanto alla sagra ma che è un riconoscimento a tutta la comunità che si spende per organizzare al meglio queste manifestazioni: vere e proprio leve per la valorizzazione dei territori. Da oltre 100 anni le Pro Loco svolgono un’indispensabile opera di animazione territoriale che si tramuta in un insostituibile volano per tutto l’indotto a fronte delle difficoltà e delle enormi responsabilità che i nostri volontari si prendono pur di organizzare iniziative”.

Tavagnacco

“Riconoscimenti – ha aggiunto Valter Pezzarini presidente del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia, presente anch’egli alla premiazione – che ci rendono orgogliosi e per i quali ringraziamo le quattro Pro Loco e i loro appassionati volontari che ogni anno rendono possibile lo svolgimento delle rispettive manifestazioni. Siamo una regione ‘piccola’ rispetto ad altre realtà della Penisola, ma sicuramente siamo un ‘grande’ scrigno dei piatti tipici visto che qui da noi, considerando anche la Festa delle castagne e del Miele di castagno che aveva già ricevuto il marchio lo scorso anno, c’è il 10% delle Sagre di qualità d’Italia”.

La trasferta romana delle Pro Loco regionali ha visto anche l’elezione di Pezzarini nella giunta dell’Unpli, massimo organo di gestione delle Pro Loco italiane, segno della stima che il presidente nazionale La Spina ha per la realtà del Friuli Venezia Giulia. “Con l’entrata di Pezzarini in giunta Unpli – ha aggiunto il presidente nazionale Antonino La Spina – acquisiamo la competenza e passione di una Regione come il Friuli Venezia Giulia capace di organizzare manifestazioni di livello e con tante Pro Loco che preservano tradizioni e usi sul territorio”.

Alle Pro Loco premiate è giunto anche il messaggio della presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, mentre il senatore Antonio De Poli ha presentato il disegno di legge di cui è primo firmatario per sburocratizzare e garantire maggiore efficienza a tutte le associazioni come ad esempio le Pro Loco che organizzano manifestazioni temporanee nel territorio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!