Round Table 24 Ud, 40 anni: festa e donazione all’Abio

3 Aprile 2019

UDINE. Si è svolta nel suggestivo contesto del Museo Casa Cavazzini la serata di coronamento dei primi 40 anni di attività della Round Table 24 di Udine, una grande conviviale di beneficenza il cui ricavato è stato devoluto interamente in favore dell’Abio (Associazione per i Bambini In Ospedale). La Round Table 24 Udine, costituita nel 1979 come branch della Round Table International che già contava numerose sedi in tutta Italia e in tutto il mondo, fin dalla sua costituzione si è dedicata attraverso gli operosi membri della sua compagine, ad attività di beneficenza, volontariato e attività sociale. Una tra le opere più degne di memoria è sicuramente la costruzione della scuola elementare del Comune di Amaro, un’istituzione voluta e costruita dai primi fondatori della Round Table 24 di Udine al paese di Amaro distrutto dal terremoto. Un evento ricordato sabato dall’attuale sindaco del Comune Laura Zanella, che, con commozione, ha ricordato questo importante gesto e l’impegno continuo dei membri del club nel coltivare l’amicizia con i giovani scolari che coinvolti in attività didattiche e culturali,ultima delle quali, pochi mesi fa, la visita alle Frecce Tricolori.

Ma oltre al sindaco di Amaro all’evento hanno preso parte i componenti di altre Round Table da varie parti d’Italia e dall’Austria, gli ex presidenti di quella di Udine dall’anno della sua costituzione e altri ospiti rappresentanti delle istituzioni, l’Assessore alla Cultura Fabrizio Cigolot, Stefano Boscolo vice presidente regionale del Banco Alimentare con cui la Round Table 24 Udine collabora da anni e la Vice Presidente dell’Abio Udine Paola Caselli. La serata è stata orchestrata dal Presidente del Club, Roberto D’Aronco, che, oltre ad aver condotto tutta la serata, è stato la figura portante e il vero motore organizzativo dell’evento fin dall’inizio della sua preparazione molti mesi fa.

Grazie al ricavato della riffa che metteva in palio due preziosi premi donati rispettivamente dall’atelier Abat-Jpur di Michael Genovese e dalla Stamperia d’arte Albicocco, e alle donazioni di imprenditori locali e non (Mdt; A + Aud; No Exit Room; Pevere Trasporti; Ledragomma; Ppm; Goccia di Carnia; Beauty Dental Center; Grand Hotel Astoria; Civibank; Music System; Iso System; Terme Fvg; Parolin & Garofolo; Comune di Udine) l’associazione ha potuto donare ad Abio un assegno dall’importo di 2 mila euro.

La cena è stata però solo il corollario di un sabato dedicato alla cultura e alla scoperta della Città di Udine. Gli ospiti della Round Table 24, guidati dai soci attivi Matteo Balestra e Tommaso Vidale, hanno percorso un giro turistico tra gli angoli più belli di Udine, una piccola città ma densa di bellezze inesplorate e poco conosciute. La giornata è proseguita poi con la visita di Palazzo D’Aronco (sede del Comune di Udine) guidata dalla Professoressa Barillari e, infine, con la visita del Museo Casa Cavazzini, dove si è tenuta, alla sera, la cena.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!