Rotary Muggia: Sergio Ashiku è il nuovo presidente

23 Luglio 2017

MUGGIA. Il nuovo anno sociale 2017-2018 del Rotary Club Muggia si è aperto con l’insediamento del nuovo presidente Sergio Ashiku, che è subentrato a Lorenzo Capaldo. Nato nel 1959, dopo aver ottenuto il diploma al Liceo Oberdan si è laureato in ingegneria civile-edile all’Università di Trieste. All’inizio della propria carriera ha svolto attività libero professionale ed è stato ricercatore per il Consiglio nazionale delle ricerche. Nel 1994 è stato assunto all’area Lavori pubblici del Comune di Trieste, per la quale ha seguito personalmente la progettazione e la direzione lavori di numerose opere cittadine: il risanamento della galleria San Vito, la ristrutturazione della viabilità sulle Rive, la riqualificazione di piazza Garibaldi, ma anche quelle di piazza dell’Unità d’Italia, di piazza della Borsa e dei rioni di San Giacomo e Cavana. Dal 2011 al 2013 è stato direttore tecnico all’Irccs Burlo Garofolo ed ora si occupa di edilizia scolastica per l’amministrazione comunale.

A dare il via all’annualità rotariana è stata la prima serata conviviale, che ha avuto come ospite il sindaco di Muggia, Laura Marzi, la quale ha illustrato le strategie del Comune per lo sviluppo della cittadina istro-veneta. Come ha spiegato Ashiku, la serata “ha permesso di rafforzare i buoni rapporti esistenti tra l’amministrazione cittadina e il nostro Club, trovando molte affinità di intenti tra Comune e Rotary. Sicuramente dunque le occasioni di collaborazione non mancheranno”.

Tra i punti citati dal primo cittadino anche il Piano regolatore muggesano, volto a dare impulso allo sviluppo della zona industriale, una più ampia collaborazione con la Siot (realtà che indubbiamente porta un notevole indotto sul territorio) e la volontà di contrastare la chiusura di attività commerciali nel centro storico con incentivazioni mirate, in particolare per i giovani. Il presidente del Rotary ha quindi ribadito che “l’impegno del Club a favore del territorio sicuramente continuerà e nel corso di quest’anno sociale non mancheranno le occasioni per vagliare e attuare progetti capaci di portare reali ricadute sull’area muggesana, sia dal punto di vista culturale, sia sociale”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!