Roncadin al vertice del gruppo europeo bofrost

21 Aprile 2014

SAN VITO AL TAGLIAMENTO – Edoardo Roncadin, 65 anni, presidente di bofrost Italia, è stato nominato alla guida del gruppo bofrost International con sede a Straelen, in Germania.

La nomina di Edoardo Roncadin è solo l’ultimo capitolo di una storia di collaborazione che dura da decenni tra la famiglia Boquoi, che ha fondato in Germania nel 1966 il gruppo bofrost, e la famiglia Roncadin, inizialmente fornitrice di gelati per il gruppo e cofondatrice nel 1987 di bofrost Italia, diventata in 26 anni la più grande realtà del sottozero porta a porta anche nel nostro Paese.

«È una nomina che arriva dopo decenni di proficua collaborazione reciproca con la famiglia Boquoi, che ha inventato il marchio bofrost – afferma Roncadin, che prende il posto prima occupato da Richard Crux -. Il Gruppo vuole agire sempre di più come una realtà internazionale e intende rafforzare il sistema porta a porta, considerato parte fondamentale del processo di modernizzazione dell’azienda».

bofrost nasce in Germania nel secondo dopoguerra grazie all’intuizione di Josef Boquoi, giovane imprenditore, figlio di un commerciante di caffè tedesco. Inizialmente il gruppo distribuisce caffè e gelati alle famiglie della Bassa Renania: nelle case tedesche cominciava a diffondersi allora la presenza dei congelatori, quindi lo spazio per conservare i gelati non mancava. Da qui ai surgelati il passo è breve e l’azienda arriva ad avere a catalogo più di 1.000 specialità.

In questo contesto avviene l’incontro con Roncadin, friulano emigrato in Germania a fine anni Sessanta in cerca di fortuna, diventato fabbricante di gelato. «Abbiamo cominciato a lavorare per bofrost, fino a diventare il principale fornitore di gelati -racconta Roncadin-. A metà degli anni Ottanta ho deciso con la famiglia di tornare in Italia e ho voluto provare a portare la bofrost nel nostro paese». Boquoi e Roncadin decidono di creare la bofrost Italia, di cui la famiglia friulana oggi detiene il 40%.

La sede di bofrost Italia si trova a San Vito al Tagliamento (Pordenone), dove avvengono tutte le operazioni di confezionamento e magazzinaggio delle merci a -24°C ed è il magazzino centrale che serve le 48 filiali italiane e quelle di Grecia, Slovenia e Croazia, controllate da bofrost Italia.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!