Rojc a Venzone: le minoranze linguistiche siano più tutelate

18 Ottobre 2021

VENZONE. “La Regione può dare un importante contributo, ma è allo Stato che spetta garantire la tutela delle minoranze linguistiche, inscritta nella Costituzione. Anche per il friulano il confronto deve avvenire su un piano istituzionale di livello nazionale, per assicurare un’adeguata informazione pubblica e un insegnamento scolastico in marilenghe”. Lo ha detto a Venzone la senatrice Tatjana Rojc, portando il suo saluto all XCVIII Congresso della Società filologica friulana.

“Il Friuli Venezia Giulia – ha detto la senatrice – rappresenta un caso particolare e unico di incontro tra mondi complementari. Le radici plurime ci conferiscono una particolare vocazione europea, antica e nobile. Proprio alle comunità linguistiche cosiddette minoritarie è affidato il compito attivo di conservare l’identità plurale dell’Europa, esposta all’assorbimento della globalizzazione. Purtroppo attende ancora di essere ratificata dal Parlamento – ha puntualizzato Rojc – la Carta europea delle lingue regionali e minoritarie”. Sottolineando che “nella tutela dell’identità è compreso il riconoscimento di sé stessi e degli altri come portatori di pari dignità” Rojc ha individuato nella tutela delle minoranze “un argine al nazionalismo”.

Condividi questo articolo!