Rettili e anfibi che altre regioni non hanno. A Cornino

8 Luglio 2017

FORGARIA. Un evento dedicato ai rettili e agli anfibi, in una regione, il Friuli Venezia Giulia, in cui vivono animali ormai rari in altre regioni italiane (per esempio l’ululone dal ventre giallo e la lucertola di Horvath) o considerati “esclusive” della nostra regione (proteo e serpente gatto europeo). Per far conoscere questo importante patrimonio naturalistico, la Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino, nel Comune di Forgaria, organizza una giornata alla scoperta dei rettili e degli anfibi che abitano nella nostra regione.

Domenica 9 luglio, alle 14.30, è in programma una conferenza di Gerardo Giuseppe Sarno su miti e leggende legate a questi animali. Alle 16, conferenza sui “Rettili e anfibi del Friuli Venezia Giulia”, a cura del naturalista Tiziano Fiorenza, uno dei più grandi esperti di rettili e anfibi in regione. A seguire, alle 17.30, si potrà partecipare a un’escursione verso i laghetti Pakar. Sarà Tiziano Fiorenza a guidare i visitatori. «In Fvg – spiegano gli esperti – abbiamo le popolazioni di anfibi più ricche di tutto il Nord Italia, scrigno di ricchezza erpetologica assolutamente da conservare. I maggiori rischi sono costituiti dalla frammentazione del territorio, legata soprattutto allo sviluppo della rete stradale, dai fitofarmaci e dall’introduzione di specie alloctone di pesci nelle pozze dove vivono gli anfibi. Per molte persone i rettili sono spesso oggetto di repulsione e fobie. Le numerose leggende e credenze popolari, purtroppo, hanno contribuito a costruire attorno a questi esseri viventi una cattiva e immeritata reputazione».

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!