“Il raccordo Cimpello-Gemona è uno sfregio all’ambiente”

29 Dicembre 2017

ROMA. “E’ incredibile come dai cassetti degli assessorati agli asfalti periodicamente, e a seconda delle necessità mediatiche, si facciano saltar fuori progetti che ci auguravamo fossero invece finiti nel trita documenti”. Lo afferma la parlamentare Serena Pellegrino (Liberi e Uguali – Sinistra Italiana), vicepresidente della commissione Ambiente alla Camera, riferendosi al raccordo autostradale Cimpello – Sequals – Gemona.

“Il Friuli Venezia Giulia vanta una sciagurata posizione di testa – prosegue la nota – nelle classifiche del consumo di suolo, ma evidentemente intende migliorare questo triste primato: leggere nuovamente che questa opera, di conclamata pubblica inutilità e dal violento impatto ambientale su un territorio fragile e prezioso, debba stare nelle agende del governo regionale lascia interdetti. Ma il fatto che a stretto giro di posta non giunga l’immediato “no, grazie” da parte dell’istituzione regionale fa comprendere la vacuità delle politiche ambientali di questa amministrazione, completamente scoordinate se non apertamente contraddittorie con le iniziative relative ai settori infrastrutturale e delle opere pubbliche, energetico, agricolo, di messa in sicurezza del territorio.

Conclude Pellegrino: “Possiamo discuterne? Evidentemente no, indipendentemente da chi sia l’interlocutore. Chi abbia veramente a cuore il destino del Friuli Venezia Giulia propone un progetto di sviluppo che sta entro i limiti ecologici di un territorio già esageratamente cementificato e sfregiato. E chi invece va a imbonire l’elettorato, scaricando sulle prossime generazioni gli interessi negativi – sociali, paesaggistici e ambientali – dell’irreversibile alterazione ambientale di un’opera costosa e inutile come la Cimpello – Gemona, replica il copione che ha sventrato l’Italia e le sue ricchezze naturali: lo scempio del territorio bene comune per l’interesse e il profitto privati”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!