Progetto Autonomia abitativa continua con successo

23 Marzo 2021

Per Ivan comincia la vita indipendente

SACILE. Vivere la propria vita indipendente anche a fronte di una disabilità intellettiva, un obiettivo che si può raggiungere anche in questo periodo segnato dall’emergenza Covid-19 che rende più rarefatti i rapporti interpersonali: partirà infatti a breve il nuovo ciclo del progetto “Propedeutica all’abitare” organizzato a Sacile dall’associazione di volontariato Laluna in un appartamento in via Colombo. Il progetto coinvolgerà tre persone per introdurle gradualmente alla vita autonoma. Il precedente percorso di propedeutica all’abitare indipendente, iniziato 3 anni fa, con altre tre persone si è da poco concluso con l’immissione al progetto di vita autonoma. Le persone con disabilità, infatti, sono accompagnate gradualmente dalla presenza educativa, che li supporta e li guida nelle gestione delle cose quotidiane, rafforzando autonomie e competenze fino a portarli alla vita indipendente.

“Il precedente ciclo si è da poco concluso, con i ragazzi che sono entrati ora nella “vita indipendente” – ha raccontato Walter Torossi, coordinatore del progetto per Laluna -, mentre ora altri tre nuovi ragazzi intraprenderanno il percorso di propedeutica: inizialmente con tre giorni di residenza a settimana, e in seguito (dopo Pasqua) con 5 giorni a settimana per poi gradualmente aumentare. Questi tre ragazzi erano già stati protagonisti di un progetto di “autonomia territoriale” nel territorio di Sacile, che ha permesso loro di conoscersi e familiarizzare col contesto”. Inoltre, da quest’anno l’equipe di professionisti si è arricchita anche di una terapista occupazionale e di una psicologa a supporto dei progetti: si sperimenterà dunque un approccio multidisciplinare.

Il percorso di “Propedeutica all’autonomia abitativa” è attivo a Sacile dal 2014 ed è gestito dall’Associazione Laluna; fa parte dei progetti all’interno dell’ “Abitare sociale”, sistema di interventi sull’abitare gestito in Ats con Fondazione Down Fvg e in co-progettazione con AsFo. Dai cicli di propedeutica svolti in passato sono stati avviati diversi progetti di vita indipendente, a oggi gestiti da Laluna in alcuni appartamenti nel Pordenonese.

“Ricordiamo che per noi de Laluna è fondamentale adoperarsi affinché le persone con disabilità possano avere una “vita buona” – ha spiegato Daniele Ferraresso, progettista educativo per Laluna -, intesa come sviluppo e stimolo nell’espressione dei propri desideri, sviluppo delle proprie ambizioni e potenzialità, realizzazione di sé. Tutto questo si sviluppa attraverso i Progetti Educativi Individualizzati e Personalizzati che guardano alla persona con disabilità nella sua globalità non solo all’interno del contesto dei servizi offert dall’associazione, ma inserita in un contesto sociale o lavorativo, con delle relazioni interpersonali che vanno coltivate e sviluppate”.

Laluna è attiva come associazione di volontariato dal 1994 a San Giovanni di Casarsa. Fondata da un gruppo di giovani volontari, con l’obiettivo iniziale di proporre una serie di attività per le persone con disabilità, negli anni l’Associazione si è trasformata fino a diventare un riferimento sul territorio per i progetti di vita a forte spinta evolutiva con un’attenzione particolare al tema della vita indipendente. A oggi, Laluna gestisce: la Comunità Alloggio “Cjasaluna Paola Fabris” a San Giovanni che ospita 8 persone con disabilità, l’appartamento per l’autonomia abitativa di Cjasaluna, il progetto di cohousing “Lalunanuova” sempre a San Giovanni, il progetto “Gravitiamo a casa nostra” che si propone di sviluppare un’autonomia possibile per persone con disabilità gravi, il progetto di “Abitare sociale” in casa Facca a Fiume Veneto e il progetto di “Propedeutica all’abitare” a Sacile, ideato per allenare alla vita indipendente ragazzi con una disabilità intellettiva. Oltre a questi, Laluna si occupa anche di progetti di autonomia individualizzati e di gruppo, nonché di percorsi formativi.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!