Profughi: comportamento discriminatorio dei Comuni

23 Agosto 2021

TRIESTE. Sinistra Italiana Friuli – Venezia Giulia denuncia pubblicamente – con un comunicato – ”la disparità di trattamento riservata alla popolazione civile afghana: chi fugge dall’oscurantismo talebano e da vent’anni di guerra e instabilità creati della Nato ha pari diritto all’asilo, sia che giunga attraverso ponti aerei, sia che giunga attraverso la tormentata rotta balcanica.

Il 17 agosto 2021 l’Anci ha diramato un comunicato in cui i comuni italiani si dicono disposti ad ampliare la rete Sai per coloro che rientrano nel programma di protezione, definito dal Governo, del personale civile afghano collaboratore del contingente militare nazionale, la cosiddetta Operazione Aquila. Alcuni sindaci del Friuli – Venezia Giulia stanno sensibilizzando la popolazione locale sul tema dell’accoglienza con eventi come sit-in e flash mob di cui Sinistra Italiana si sente di condividere lo spirito, ma di cui il partito – prosegue la nota – ci tiene a sottolineare alcune contraddizioni sotto gli occhi di tutti: coloro che giungono in regione tramite ponti aerei umanitari Nato hanno pari dignità di coloro che giungono attraverso la cosiddetta rotta balcanica attraverso i fili spinati, le torture delle polizie di frontiera, i passeur strozzini e i droni e i visori notturni di cui la ministra Lamorgese fa vanto.

Inoltre chi giunge dall’Afghanistan attraverso la Slovenia viene respinto una volta giunto in Italia in modo illegale e in aperta violazione del diritto internazionale a fronte di un trattato bilaterale con la Slovenia la cui forza di diritto è subordinata alle convenzioni internazionali. Ad accogliere i migranti della rotta balcanica ci sono associazioni e Ong che operano spesso nonostante l’aperta ostilità del Governo, della Magistratura e degli stessi Comuni che ora offrono la loro ospitalità ai migranti che giungono coi ponti aerei. I Comuni del Friuli – Venezia Giulia hanno ora l’imperdibile occasione di mostrare un’inversione di tendenza e attuare vere politiche d’accoglienza diffusa per tutti.

Sinistra Italiana sostiene con forza e si adopererà – si conclude – affinché chiunque scappi da guerre e torture abbia accesso a canali sicuri e legali di migrazione attraverso corridoi umanitari, in tal modo si porrà veramente fine alla piaga dello sfruttamento dell’immigrazione e si porrà rimedio ai torti causati dalle guerre d’aggressione e da secoli di colonialismo e neocolonialismo del tanto decantato Occidente”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!