Premiati dall’Unpli i presepi realizzati dalle scuole Fvg

23 Gennaio 2020

UDINE. Gran finale per gli eventi presepiali del Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia sostenuti dalla Fondazione Friuli: il progetto Presepi in Friuli Venezia Giulia si è concluso oggi giovedì 23 gennaio nell’Auditorium della Regione a Udine con le premiazioni del 15° Concorso Presepi nelle Scuole Primarie e dell’Infanzia, sostenuto nello specifico da CiviBank e dalla Società Filologica Friulana. Un’edizione – ha dichiarato Valter Pezzarini presidente del Comitato Regionale delle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia – dai numeri significativi: hanno partecipato 55 scuole regionali (suddivise in 30 primarie e 25 dell’infanzia, numero in crescita rispetto lo scorso anno) per un totale di 3 mila bambine e bambini coinvolti. La Commissione ha lodato tutti i lavori esposti, idealmente tutti meritevoli del primo posto”.

Insieme al presidente del Comitato Regionale delle Pro Loco Valter Pezzarini, sono intervenuti alla premiazione monsignor Guido Genero delegato dell’arcivescovo di Udine Monsignor Andrea Bruno Mazzocato, che ha ricordato il valore religioso del presepe in ogni casa; il consigliere regionale Edy Morandini in rappresentanza del presidente del Consiglio Regionale Piero Mauro Zanin e che ha portato pure il saluto dell’assessore regionale al turismo e attività produttive Sergio Emidio Bini, rimarcando nel suo intervento il valore del presepe come simbolo della famiglia: Sergio Paroni responsabile relazioni esterne CiviBank che ha ricordato come la banca abbia voluto fortemente questo concorso fin dalla prima edizione, ideandolo; Giuliana Pugnetti vicepresidente per la Carnia e la Val Canale della Società Filologica Friulana e Feliciano Medeot direttore della Società che ha ricordato il valore tradizionale della Natività in ambito regionale, Tiziana Cividini assessore alla Cultura e Volontariato del Comune di Codroipo che ha lodato i giovani partecipanti per la loro creatività; Rossano Cattivello direttore del settimanale Il Friuli che ha sottolineato il valore di questi lavori per la coesione delle singole comunità.

Scuola di Buttrio

Il primo premio, comprensivo di buono per l’acquisto di materiale didattico come per gli altri riconoscimenti, è andato alla Scuola Primaria “Alighieri” di Buttrio, autrice di un Presepe multimediale. Dalla narrazione del Natale dei Vangeli, i bambini hanno scelto i momenti fondamentali e li hanno raccontati… con le loro parole e voci… Hanno poi realizzato il Presepe, suddiviso in 8 scene, lo hanno fotografato scena per scena e… assemblando foto e voci hanno creato un E-book leggibile on line con un link oppure inquadrando un Qrcode. Un presepe interattivo, che trasmette il messaggio cristiano di duemila anni fa nel presente e nel futuro multimediali.

Il secondo premio è andato alla Scuola dell’Infanzia Trieste di Valeriano di Pinzano al Tagliamento con il presepe intitolato Natale è… amore per me stesso, per gli altri e per la natura. A partire dal territorio, il bosco di Valeriano e il fiume Tagliamento, dalla Chiesetta dei Battuti con la bellissima Natività del Pordenone… e con il prezioso e forte aiuto dei nonni quali educatori accanto ai genitori per insegnare la pazienza, la passione e… la fatica e la costanza per ottenere i migliori risultati.

Terzo premio per la Scuola dell’Infanzia Casa dei Bambini – Montessori di Udine con il presepe intitolato Pace per tutti i bambini. Ventisei pannelli, uno per ogni bambino che ha estratto a sorte la bandiera di uno degli Stati del mondo: un progetto di conoscenza delle condizioni dei bambini nei diversi contesti sociali. La scoperta che non tutti hanno una casa, vanno a scuola, possono essere curati; troppi vivono in paesi in guerra o subiscono le conseguenze di calamità naturali. Il Natale dovrebbe essere per tutti, in modo particolare per i bambini che hanno diritto a una vita di pace, accoglienza e rispetto.

Quarto posto per la Scuola Primaria “Manzoni” di Rivignano Teor con il presepe intitolato Dal seme allo scarto… un ciclo continuo. La tradizione locale della coltivazione del granoturco, tutoli e brattee, legno, muschio e sementi, elementi naturali “dimenticati”: un presepe naturale che ha fatto stare insieme i bambini e basato su un progetto di educazione al benessere dato anche dal gusto della collaborazione, della gratuità e dello scambio.

Quinto posto per la Scuola Primaria di Resia con il presepe intitolato Seguendo la Stella. Ogni bambino ha scelto l’abbigliamento con il quale apparire nel presepe: ognuno dei 15 bambini ha scelto il regalo più consono per Gesù, nato a portare un nuovo modo di vivere. Una coperta per scaldarlo, un pezzo di pane, un giochino, ma anche la propria tradizione con il violino resiano (Zitira) e l’aglio tipico della Val Resia. Tra le sagome anche la talipa bila maskira, l’abito tradizionale del carnevale della Val Resia. Tutti seguono la stella…

Due i premi speciali. Alla Scuola dell’Infanzia “Monsignor Castellani” di Artegna per il presepe intitolato Nativitappo: il Natale in un tappo. Il percorso della scuola è quello di dare, ad anni alterni, la possibilità a mamme e papà di realizzare il presepe, con un grande obiettivo: creare un gruppo di amicizia e collaborazione che sia da esempio per i bambini, oltre che un presepe che è un regalo ricco di significati. Quest’anno è toccato alle mamme con un’idea di riciclo creativo. Brave mamme! Alla Scuola Primaria Statale “G.B. Cavedalis” di Spilimbergo con il presepe Mosaico e Natale. Spilimbergo: città del mosaico! Questo presepe ha messo insieme alunni di prima e di quarta. Una bella sfida far lavorare bambini di età e abilità diverse. Ma visto il risultato, ne valeva proprio la pena. Grande soddisfazione quindi per aver collaborato tutti insieme, grandi e piccoli, per realizzare il loro primo mosaico. Il Premio assegnato dal settimanale Il Friuli, grazie ai voti dei lettori, è andato alla Scuola Primaria “G. Mazzini” di Udine, con il presepe Silenzio, parla il Silenzio. Per la scuola vincitrice un buono per l’acquisto di materiale didattico. Segnalazioni di merito infine per la Scuola dell’Infanzia di Attimis; Scuola dell’Infanzia Statale di Buja; Scuola Primaria “L. Da Vinci” di Casarsa; Scuola Primaria “A. Molaro” di Via Cajù di Cervignano; Scuola Primaria “G. Marconi” di Claut; Scuola dell’Infanzia di Cornino di Forgaria nel Friuli; Scuola dell’Infanzia di Gemona Capoluogo; Scuola Primaria “C. Battisti” di Monfalcone; Scuola dell’Infanzia Paritaria “Maria Bambina” di Polcenigo; Scuola dell’Infanzia di Formeaso-Zuglio.

Le foto sono di Diego Petrussi.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!