Pordenone: riunione del Consiglio comunale ragazzi

26 Marzo 2017

PORDENONE. Nasce a Pordenone un modo nuovo di intendere il Consiglio comunale dei ragazzi che coinvolgerà anche le intere classi che aderiscono al progetto. Nella Città sul Noncello, infatti, Comune di Pordenone e Cooperativa sociale Itaca – che per tutto il 2017 gestirà il servizio su mandato dell’Amministrazione comunale – stanno sviluppando una progettualità all’insegna della condivisione reciproca, condivisione che è e sarà per tutto l’anno il cuore pulsante del progetto con i giovani consiglieri. Oltre 550 i ragazzi nel complesso, 46 i rappresentanti eletti per altrettante classi cittadine che hanno aderito al progetto CCR, 29 classi delle secondarie di primo grado e 17 delle primarie, 4 gli Istituti comprensivi, Centro, Sud, Rorai-Cappuccini e Torre. Lunedì 27 marzo dalle 8 alle 12.30 la plenaria dei rappresentanti eletti nella sede dell’Informagiovani in piazza della Motta con la presenza del sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani, e del consigliere delegato all’Istruzione, Alessandro Basso.

Da tre mesi a questa parte, gli educatori della Cooperativa Itaca si stanno muovendo all’interno dei quattro Istituti comprensivi cittadini. La volontà è quella di condividere – sia con i singoli insegnanti referenti sia con le singole classi – prassi di lavoro che rispondano prima alle esigenze scolastiche e solo in seconda battuta alle azioni specifiche del CCR. Un’opera di concertazione a volte faticosa, non sempre agevole da spiegare e da comprendere ma che, fondandosi sulla ultraventennale esperienza di Itaca in questo ambito, permette e permetterà di co-costruire nel medio e lungo periodo un impianto di interventi non calati dall’alto e “subiti” dalle scuole, ma co-progettati nel rispetto delle esigenze di tutti.

“Il progetto – commenta il consigliere delegato all’istruzione e alle politiche giovanili, Alessandro Basso – vuole dare alla città una nuova articolazione del CCR, fuori dalla logica della semplice rappresentatività per ampliare il focus sulla costruzione della carta d’identità del cittadino. Come da mandato elettorale – prosegue – abbiamo scelto di coinvolgere la base articolando la presenza degli operatori nel contesto scolastico, con l’obiettivo di costruire, gradualmente, un unicum in verticale di presenza di interventi educativi in Città”.

Cosa succederà lunedì è presto detto. Il programma della plenaria prevede, dopo l’intervento delle autorità, un laboratorio di condivisione dalle 9 alle 10.30, condotto dagli educatori di Itaca, sulle metodologie operative utilizzate per la raccolta dei dati. Gli studenti delle scuole secondarie utilizzeranno il metodo cooperativo, mentre gli alunni delle primarie un approccio ludico grazie al gioco educativo-relazionale. Dalle 10.30 alle 11 merenda etica, dalle 11 alle 11.45 laboratorio creativo estemporaneo sulla produzione di un elaborato simbolo del CCR. Infine, dalle 11.45 alle 12.30 la verifica della giornata ed un’intervista ai ragazzi tramite videobox.

Condividi questo articolo!