Pordenone: legame con l’associazione croata di Verteneglio all’insegna della cooperazione

2 Dicembre 2018

PORDENONE – Istria-Pordenone, un legame che si consolida sotto il segno della cooperazione: si è infatti tenuta nella sede del Consorzio di cooperative sociali Leonardo, aderente a Confcooperative Pordenone, l’annuale assemblea dell’ADL (Agenzia di democrazia locale) di Verteneglio, Comune dell’Istria croata. La ADL è un’associazione che promuove lo sviluppo democratico, sociale, culturale ed economico basandosi sui principi di tolleranza, dialogo, rispetto dei diritti umani, cooperazione culturale e libertà di espressione. Le sue attività si basano sulla reciprocità, partecipazione e coinvolgimento della società civile, nonché scambio di esperienze tra i partner coinvolti. Proprio il Consorzio Leonardo è socio del sodalizio europeo di Verteneglio e questa partnership apre alla possibilità di individuare forme di collaborazione tra le 160 cooperative aderenti al Confcooperative Pordenone e la Regione Istriana.

Erano presenti all’assemblea il sindaco del Comune istriano Paolo Klaric, la vicepresidente della Regione Istriana Giuseppina Rajko e il vicepresidente dell’ALDA, l’associazione delle democrazie locali promossa dal Consiglio d’Europa, Sandro Perelli, che è anche delegato della Regione Friuli Venezia Giulia, socia anch’essa dell’ADL di Verteneglio. Ha mandato il suo saluto l’onorevole Dario Ghisletta, già presidente del Canton Ticino, che coordina il partenariato europeo in rappresentanza del Comune svizzero di Bellinzona. Un augurio è stato inviato anche dal sindaco di Pordenone Alessandro Ciriani.

“Siamo onorati di avervi a Pordenone – ha esordito il presidente di Confcooperative Pordenone e del Leonardo, Luigi Piccoli – anche perché per il nostro Consorzio è un’occasione speciale: questo evento si inserisce nell’anno del ventennale. E la nostra storia è collegata all’ADL istriana: l’abbiamo conosciuta all’Assemblea di ALDA a Pola cinque anni fa, nel gruppo in cui si invitavano i soci a sostenere le agenzie di democrazia locale dei Paesi dell’Est Europa”.

Un incontro che in questi anni ha visto nascere la collaborazione concreta nel progetto WOSOCOOP sulla cooperazione sociale (che ha visto la partecipazione anche di due giovani di Verteneglio), nello SVE, il Servizio di volontariato europeo. “Progetto – ha aggiunto Piccoli – con il coinvolgimento diretto di una nostra associata, la cooperativa Il Piccolo principe di Casarsa, che nei mesi scorsi ha selezionato una giovane per fare un anno di esperienza proprio a Verteneglio: Marta Ceotto di Sequals”.

Piccoli, come detto, ha poi condiviso con gli ospiti la possibilità di individuare forme di collaborazione tra le 160 cooperative aderenti all’Unione di Pordenone e la Regione Istriana, specie quelle sociali, agricole e culturali, avendo sempre presenti i valori europei. Verteneglio aderisce, tra l’altro, anche alla rete delle Città del Vino.

Nel corso dell’incontro, il Sindaco di Verteneglio Klaric ha evidenziato con orgoglio un altro legame tra la sua città e Pordenone, in ambito calcistico: è infatti residente a Verteneglio Emil Zubin, indimenticato capitano e bomber dei ramarri per due stagioni e mezzo, compresa quella trionfale 2013-2014 con promozione in serie C e scudetto dei dilettanti.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!