Polesello: Abbiamo rimesso in moto l’operatività del Fvg

24 Luglio 2019

TRIESTE. “Abbiamo rimesso in moto l’operatività del Friuli Venezia Giulia, ponendo al primo posto dell’agenda politica le imprese, le famiglie e la sicurezza della nostra regione. La rilevanza delle misure adottate è indubbia, soprattutto per l’impatto economico che comporteranno”. Lo dichiara in un comunicato il giovane consigliere regionale della Lega, Simone Polesello, rispondendo così agli attacchi provenienti dall’opposizione inerenti la variazione di bilancio attualmente al vaglio dell’Aula.

Polesello aggiunge: “La legge di assestamento ideata da questa amministrazione di centrodestra dà voce alle istanze pervenute dal territorio, con delle priorità chiare e assegnazioni di risorse oculate e ponderate per rispondere efficacemente alle esigenze e alle dinamiche che quotidianamente si sviluppano ed evolvono. Le risposte che daremo poggiano su numeri reali, che possono contare anche sugli ottimi risultati ottenuti dal Presidente Fedriga nel corso della trattativa fra Stato e Regione, che hanno permesso al Friuli Venezia Giulia di poter contare su un’ulteriore capacità di spesa di 30 milioni di euro”.

“Questo assestamento può contare su 155 milioni di euro, fra parte corrente e parte capitale, con oltre 19,13 milioni euro alle risorse agricole; 14,70 milioni di euro alle attività produttive; 12,82 milioni alle infrastrutture; 750 mila euro alla funzione pubblica; 600 mila euro all’avvocatura; 5,15 milioni di euro a finanze e patrimonio; 11,18 milioni a lavoro, formazione e istruzione; 30,78 milioni di euro a salute e politiche sociali; 4,30 milioni a cultura e sport; 7,26 milioni di euro all’ambiente e 18,71 milioni a autonomie locali e logistica”.

“Oramai – conclude l’esponente leghista – non mi sorprendono più le pretestuose dichiarazioni dell’opposizione di centrosinistra e dei cinque stelle. I primi, dopo aver dimostrato la propria incapacità al governo della Regione, altro non possono che perdersi in chiacchiere e sterili attacchi; mentre i secondi, oramai in calo nei consensi, riescono soltanto a raccontare una visione distorta della realtà, che compiace unicamente il loro ego ma non racconta la realtà dei fatti”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!