Più competenze alla Regione per avere scuole antivirus

18 Luglio 2020

TRIESTE. «La riapertura delle scuole a settembre rappresenta uno dei temi più urgenti e complessi che devono essere affrontati dalle istituzioni e che suscitano più aspettative e preoccupazioni da parte delle famiglie», osserva il capogruppo del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo, al termine della seduta della VI Commissione che ha visto l’audizione della direttrice dell’Ufficio scolastico regionale.

«Nel contesto attuale è fondamentale che le risorse che vengono messe a disposizione dalla Regione e dallo Stato per affrontare i temi del distanziamento e dell’adeguamento delle strutture scolastiche siano utilizzate nel modo migliore, con indicazioni chiare e univoche, che mettano i dirigenti scolastici nelle condizioni di prendere le decisioni corrette. Purtroppo l’impressione è che a oggi da parte del Ministero continuino ad arrivare informazioni parziali e spesso contraddittorie, come quelle relative ai calcoli sul distanziamento e conseguente dimensionamento delle aule, oppure sui fondi utilizzabili per l’acquisto di attrezzature – afferma Moretuzzo –. Credo che, a maggior ragione in questa situazione di emergenza, sia evidente il fatto che avvicinare i centri decisionali al territorio sia indispensabile per affrontare questioni di particolare complessità. Il percorso di regionalizzazione di parti importanti del sistema scolastico deve quindi proseguire e permettere a studenti, insegnanti e famiglie del Friuli-Venezia Giulia di godere pienamente del diritto all’istruzione».

Condividi questo articolo!