Piccolo Principe, rinnovato il CdA Cesarin confermato

7 Agosto 2020

CASARSA. La cooperativa sociale Il Piccolo Principe di Casarsa ha recentemente rinnovato le proprie cariche sociali tracciando il bilancio del 2019, guardando al futuro con l’obiettivo di rimanere sempre al fianco delle persone e rispondere ai loro bisogni nel territorio in cui opera. Riconfermato presidente Luigi Agostino Cesarin che avrà al suo fianco Paola Ferracin in qualità di vicepresidente, Chiara Muccin, Elisa Paiero e Giacomo Trevisan come consiglieri. Come annunciato durante l’assemblea di rinnovo delle cariche sociali, il nuovo consiglio di amministrazione del Piccolo Principe passa così da 7 a 5 amministratori, nel quadro di un nuovo assetto organizzativo generale che verrà realizzato nei prossimi mesi.

Al Cda si affiancherà una direzione con il compito di tradurre le strategie e gli obiettivi individuati dal consiglio d’amministrazione in obiettivi operativi per i diversi servizi, rafforzando l’autonomia dei responsabili di servizio oltre che di ogni singolo socio lavoratore. “Il 2019 è stato un anno ricco di sfide impegnative, trend proseguito nel 2020 a causa della crisi accentuata dall’emergenza Coronavirus che tutti stiamo affrontando – afferma il presidente Cesarin –. Alcuni settori della nostra realtà hanno sofferto maggiormente, come ad esempio il settore B di “servizio alle aziende e produzione lavoro” finalizzato all’inserimento lavorativo: il fatturato si è dimezzato rispetto all’anno precedente, anche a causa della crisi del settore manifatturiero/tessile e per questo abbiamo dovuto fare domanda di cassa integrazione. Ciò che più conta, però, – prosegue Cesarin – è che il bilancio globale della cooperativa si chiude in positivo. Nonostante le difficoltà, abbiamo una base di riferimento valoriale e patrimoniale sufficientemente solida da consentirci di affrontare i mesi rimanenti del 2020 ma di strutturarci per gli anni futuri, che si prospettano già impegnativi ”.

La fotografia della cooperativa sociale Il Piccolo Principe vede 87 soci con 8 nuovi soci, di questi 50 sono i soci lavoratori, 20 i soci volontari, 15 i soci lavoratori svantaggiati e 2 i soci beneficiari. Le persone sono al centro della mission della cooperativa, che nel 2019 ha potuto contare anche sul supporto di 290 volontari. Sono stati 2.819 i beneficiari dei servizi socio-educativi (minori, giovani, disabili, ecc.), di cui il 47% sono persone residenti nel Comune di Casarsa. Infine, sono state 74 le persone coinvolte in percorsi di integrazione socio-lavorativa, di cui 43 i lavoratori svantaggiati e 6 lavoratori di pubblica utilità.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!