Pari salari? Da oggi a fine anno le donne lavoran gratis

4 Novembre 2020

BRUXELLES. Da oggi a fine anno le donne smettono simbolicamente di essere pagate rispetto ai loro colleghi maschi per lo stesso lavoro: il 4 Novembre la Commissione Europea ha istituito infatti l’Equal Pay Day, la giornata dedicata alla sensibilizzazione del divario salariale. ”E’ il cosiddetto divario retributivo – ha commentato l’eurodeputata del Pd Elisabetta Gualmini, relatrice del gruppo S&D sulla Gender Equality al Parlamento Europeo. ”Si tratta di una profonda ingiustizia; in Europa le donne sono pagate in media il 16% in meno rispetto ai colleghi uomini, cioè circa due mesi di lavoro non retribuito. Stiamo facendo progressi, ma sono ancora troppo lenti”.

Le donne lavorano più di frequente a tempo parziale, in settori a bassa retribuzione o spesso devono assumersi la responsabilità primaria della cura delle loro famiglie. Inoltre non accedono a ruoli manageriali e si trovano a svolgere mansioni di livello inferiore rispetto alle proprie competenze e al proprio titolo di studio. ”A Bruxelles – continua Gualmini – abbiamo messo nero su bianco gli impegni che deve rispettare la Commissione Europea per riparare a questa ingiustizia sociale attraverso la strategia per l’uguaglianza di genere. In particolare stiamo lavorando sulla trasparenza salariale, in modo che le eventuali discriminazioni siano immediatamente individuabili, e sui divari pensionistici tra uomini e donne. Ricordiamoci che la crisi che stiamo vivendo ha un
impatto drammatico, soprattutto per le donne”.

Secondo i dati Istat, infatti, a livello nazionale tra il secondo trimestre 2019 e lo stesso periodo del 2020, sono state 470 mila le donne che hanno perso l’occupazione e su 100 posti di lavoro persi, quelli femminili rappresentano il 55,9%. Anche in Friuli Venezia Giulia i numeri che emergono dai dati del secondo trimestre in confronto con il primo è una perdita di 7.800 posti lavorativi al femminile.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!