Palmanova: l’ospedale continua a perdere pezzi

2 Novembre 2020

PALMANOVA. “Non solo le promesse di Fedriga e Riccardi sul super Ospedale non sono state mantenute, ma adesso si vuole creare un Super Ospedale Covid. Con la scusa della pandemia si smantella, pezzo dopo pezzo, ogni giorno di più, quel poco che rimane della struttura sanitaria palmarina”. Il sindaco Francesco Martines commenta allarmato le ultime dichiarazioni dell’assessore regionale alla sanità Riccardo Riccardi.

“Riconvertire una parte dell’ospedale di Palmanova in una struttura dedicata al Covid-19, salvando da questa azione emergenza e dialisi, significa fermare del tutto ogni altra attività ospedaliera. Esiste un’intera ala dell’Ospedale facilmente isolabile: l’ex reparto di ostetricia e ginecologia e pediatria, praticamente l’ex Punto Nascite scelleratamente chiuso, dove è già possibile creare immediatamente posti di terapia intensiva, oltre che posti dedicati all’accoglimento di pazienti meno gravi, Rsa Covid. Non serve trasformare le sale operatorie in terapie intensive, chiudendo, di fatto, l’Ospedale, per giustificare quanto non si è fatto sino ad ora. Queste sono fondamentali per l’attività programmata e per riprendere l’urgenza ortopedica e traumatologia, come promesso più volte dai vertici regionali. L’esperienza di marzo ci insegna che, una volta dismessi alcuni reparti, il loro ritorno all’operatività è sempre complesso e spesso non avviene mai”.

E conclude il Sindaco: “Palmanova sta facendo la sua parte nell’emergenza, con il suo nosocomio, gestendo l’accoglienza dei migranti minori e positivi. È ora di rivolgere lo sguardo verso altri ospedali, trovando altre soluzioni, senza infierire nuovamente sulla struttura di Jalmicco, solo perché qui vi governa un sindaco di centrosinistra”.

In proposito, interviene con una nota anche il consigliere regionale Franco Iacop. “Le accuse rivolte dall’assessore alla Salute al sindaco di Palmanova sono il perfetto esempio di come la Giunta Fedriga agisca senza ascoltare né coinvolgere nessuno, scaricando dall’alto le sue decisioni sui territori e lanciando tardivi appelli alla condivisione. E ricordare le strutture sanitarie toccate in Comuni amministrati dal centrodestra è solo un’aggravante”. Questa è la replica all’assessore regionale alla Salute Riccardo Riccardi, che ha accusato il sindaco di Palmanova Martines di “alimentare tensioni e generare ulteriori preoccupazioni nei cittadini al solo scopo di avere in futuro un ritorno in termini di consenso”. Conclude Iacop: “Invece di insultare un sindaco che difende i suoi cittadini, Riccardi si preoccupi di tutto quanto non ha fatto finora, dei ritardi gravissimi in cui si trova il sistema sanitario regionale davanti all’emergenza Covid”.

Condividi questo articolo!