Palmanova lavora già al Club di prodotto regionale delle rievocazioni storiche

16 Maggio 2017

PALMANOVA – Palmanova si calerà completamente nella parte, allestendo banchetti, spettacoli e attività enogastronomiche con rigore storico e rispettando quelle che erano le caratteristiche degli stessi nel 1600, età della fondazione della città. Il Comune ha deciso infatti di regolamentare gli allestimenti delle varie ambientazioni per le tre giornate della Rievocazione Storica cittadina di inizio settembre. Le indicazioni espresse nel documento riguardano la realizzazione di locande o punti di ristoro, tavoli, sedie e tessuti, i prodotti da servire come cibo o bevande e la realizzazione di spettacoli o iniziative.

“Sarà un processo graduale ma necessario. Sempre più gente viene a Palmanova in occasione della sua manifestazione storica più importante. Vogliamo che queste persone possano vivere un’esperienza sempre più immersiva, rivivendo una città allestita coerentemente con la propria storia” commenta il Sindaco Francesco Martines.

E aggiunge: “Stiamo lavorando con Promoturismo FVG, e con gli altri comuni regionali interessati, alla realizzazione di una certificazione sulle rievocazioni storiche. Un club di prodotto turistico da promuovere non solo in regione ma anche a livello nazionale e internazionale. Per questo vogliamo anticipare i tempi ed alzare ancora il livello della nostra manifestazione, rendendola più storicamente fondata e realistica. Facendo vivere esperienze uniche a chi verrà a farci visita”.

Il percorso che porta all’adozione di questo documento ha visto già l’approvazione dello stesso da parte della Commissione comunale sulle attività produttive e da parte della rappresentanza delle attività commerciali. A breve verrà presentato, in riunione mirate, a tutti i possibili interessati.

“La Rievocazione Storica di Palmanova sta diventando una grande opportunità grazie al lavoro compiuto in questi anni di ricerca e incremento del livello di qualità. Ora chiediamo a tutti uno sforzo per migliorare ulteriormente quanto già stiamo facendo, condizione necessaria per rientrare tra le più significative manifestazioni del settore a livello europeo” conclude Adriana Danielis, vicesindaco e assessore comunale alla cultura.

Come specificato nella delibera di adozione, il processo andrà a regime in due anni: per il 2017 bisognerà adottare solo le prescrizioni generali mentre dal 2018 tutte le indicazioni presenti nel regolamento dovranno essere rispettate.

Sul sito del Comune sarà a breve pubblicato il testo della “manifestazione d’interesse” che prevede una prima scadenza il 20 giugno per richiedere la partecipazione alla manifestazione e proporre gli allestimenti. Entro il 31 luglio poi bisognerà presentare le proposte su eventi e manifestazioni.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!