Oltre 250 soccorsi

12 Agosto 2012

LIGNANO. Da fine giugno è attivo tra i bagni 3 con bandiera inglese e 4 con bandiera italiana di Lignano Pineta il pronto intervento sanitario SOGIT – Croce di San Giovanni. E’ un servizio molto apprezzato dai turisti che frequentano il litorale di Lignano Pineta e Riviera e ormai consolidato. Dotata di defibrillatore e collegata come punto blu al servizio regionale di emergenza del 118, la SOGIT compie in una stagione balneare oltre 600 interventi: dal piccolo taglio di conchiglia, alla slogatura giocando a pallavolo, dalla puntura di insetto a quella della medusa, dalla misurazione della pressione alla scottatura, ed altro ancora. Dalle ore 10.00 alle ore 18.00 è costantemente presente una soccorritrice per le esigenze sanitarie dei bagnanti nei locali di colore giallo con la croce di San Giovanni posti sul Lungomare Kechler al civico 22; diversi sono i casi di pazienti inviati dalla SOGIT al Pronto Soccorso di Lignano Sabbiadoro o alla Guardia medica posta quest’anno nello stesso stabile delle Terme di Lignano Riviera. L’attività della SOGIT (tel. 0431-423298 www.sogit.it) è sostenuta con un contributo dalla società Lignano Pineta e da Società Imprese Lignano; Lignano Pineta s.p.a. mette inoltre a disposizione gratuitamente la sede, con le manutenzioni che ogni anno si rendono necessarie e si accolla le utenze di luce e acqua. Va ricordato, inoltre, l’impegno di Graziella Kainich, presidente della SOGIT, che ha creduto sin dall’inizio in questa attività sanitaria al servizio del turista.

Ecco gli interventi di inizio agosto con ben 260 ore di servizio: 257 interventi di cui 222 hanno avuto esito favorevole, 5 hanno richiesto l’intervento del 118, 14 la visita presso la Guardia Medica Turistica, 16 al Pronto Soccorso di Lignano; sono stati inoltre 10 i soccorsi prestati per mezzo del quad in servizio presso il Punto Blu e in costante contatto con il 118 di Udine e con i bagnini di salvataggio. Questo il dettaglio: 42 misurazioni di pressione; 28 punture di medusa curate; 117 medicazioni; 10 malesseri; 15 punture di pesce ragno; 23 traumi minori; 3 traumi maggiori; 1 ustione; 5 lavaggi oculari, 12 punture di insetti; 1 rianimazione cardiopolmonare per principio di annegamento.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!