Nel ricordo dei 150 anni degli Alpini si salgono 150 cime

24 Luglio 2022

UDINE. Anche le cime del Nord Est in questo periodo vedranno la “Julia” impegnata per commemorare i 150 anni dalla costituzione del Corpo. Alpini, artiglieri da montagna, genieri, autieri, trasmettitori e cavalieri appartenenti alla Brigata “Julia”, dallo scorso 18 luglio sono in addestramento sulle cime e le valli dell’arco alpino, inserite nel tradizionale Modulo Movimento in Montagna Estivo (Mmme) che riveste un ruolo centrale nella formazione del soldato di montagna ed è mirato a consolidare le capacità caratteristiche della specialità alpina, ovvero di vivere, muovere e combattere in montagna in piena autonomia logistica.

Alcune ascensioni programmate hanno visto e vedranno la partecipazione degli associati Ana che sta contribuendo per il tramite delle proprie sezioni a facilitare le attività e a organizzare eventi collaterali, come la recente esibizione della Fanfara della Brigata alpina Julia a Merano, che tanto successo ha riscosso. Città che ha ospitato anche uno dei Campi Scuola dell’Associazione. Per la Brigata “Julia” le ascensioni si stanno sviluppando in queste settimane anche alla luce dei concomitanti impegni operativi che vedono la gran parte del personale impegnato nell’Operazione Strade Sicure e nella missione in Kosovo.

In questi primi giorni, (18, 19, 20 e 21 luglio) il Reggimento Logistico “Julia” di Merano, il 7° di Belluno e l’8° Alpini di Venzone, il 3° Artiglieria di Remanzacco, hanno raggiunto: l’Ortles (3905), il Gran Zebrù (3857), il Sass Pordoi-Spigolo Sud (2950), Prima Torre del Sella-Via Tissi (2533), Monte Creta Forata (2462), il Col di Lana (2452), il Monte Sief (2462), il Monte Luco (2434), Picco Ivigna (2581).

Organizzata dal Comando Brigata di Udine giovedì 21 si è svolta l’attività di Staff Ride lungo la “Cresta Carnica”: Passo di Monte Croce Carnico (1357), Pal Piccolo (1866) , Freikofel (1757) , Pal Grande (1809) e Creta di Timau (2218). Lo Staff Ride ha visto la partecipazione dell’Ufficiale di collegamento americano; di una rappresentativa della 7^ Jägerbrigade dell’Esercito Austriaco e del Direttore del “Museum 1915-1918”, ubicato in Carinzia; del Direttore del “Museo della Grande Guerra” di Timau, oltre a una rappresentanza dell’Associazione “Amici Alpi Carniche” che gestisce i principali siti di interesse storico nell’area. Presente anche la Sezione Carnica dell’Associazione Nazionale Alpini. La cerimonia di Onori ai Caduti e la visita al Tempio Ossario di Timau hanno concluso il programma della giornata.

Le immagini si riferiscono al Monte Pal Piccolo.

Condividi questo articolo!