Mozione per Zaky: unanime il consiglio comunale di Udine

18 Febbraio 2020

UDINE. L’anniversario del ritrovo del corpo senza vita di Giulio Regeni, brutalmente martoriato, torturato e seviziato coincide – si legge in una nota inviataci da Sara Rosso, consigliera Pd a Udine – con un altro terrificante fatto che colpisce l’intera comunità: l’arresto del ricercatore Patrick George Zaky. Così mentre la comunità universitaria assieme ad un copioso numero di cittadini e cittadine sfila per le vie di Bologna al fine di richiedere la scarcerazione dell’egiziano, in Consiglio Comunale a Udine si vota all’unanimità la mozione di sentimenti presentata dalla consigliera Sara Rosso (Pd).

La mozione, che in calce riporta le firme di tutti i consiglieri e le consigliere del Pd, gruppo Innovare e della Lista Siamo Udine, chiede a gran voce che tutto il Consiglio in primis esprima massima solidarietà nei confronti di Patrick Geroge Zaky, unendosi a chi si batte per la liberazione del ricercatore, in una lotta di civiltà contro la barbarie della sopraffazione e dell’oppressione, contro tutti quei regimi che intendono affermare la loro forza e sopravvivenza attraverso la repressione dei diritti civili universali, della libertà. In secondo luogo che il Governo italiano metta in essere tutte le azioni necessarie perché questa vicenda, che ricorda troppo da vicino quella occorsa a Giulio Regeni, non si trasformi in un’altra tragedia come quella.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!