Monfalcone: flautista espulso dall’orchestra Nasce il caso

29 Luglio 2020

MONFALCONE. La senatrice Tatjana Rojc (Pd) ha portato all’attenzione della Presidenza del Consiglio dei Ministri il caso dell’espulsione di un flautista dall’associazione no profit Orchestra Filarmonica di Monfalcone, per le pressioni, a quanto si apprende, dell’assessore comunale alla Cultura del comune di Monfalcone. La senatrice chiede al Governo “se non ravveda nel comportamento dell’assessore alla Cultura del comune di Monfalcone un evidente impedimento della libertà di manifestazione del pensiero che è un diritto fondante riconosciuto dal nostro ordinamento democratico e se non ritenga vi sia, da parte degli organi periferici dello Stato, la possibilità di censurare tale comportamento, che per l’interrogante risulta inaccettabile”.

“Il Comune di Monfalcone è già salito alla ribalta delle cronache – aggiunge Rojc – per casi di compressione del pluralismo dell’informazione quando la sindaca leghista Cisint ha cancellato gli abbonamenti dei quotidiani Avvenire e Il Manifesto dalla biblioteca comunale. Ora sembra che le persone non possano nemmeno esprimere critiche all’amministrazione comunale senza incorrere in azioni delle Autorità comunali che – conclude – giustamente sono state definite un ‘precedente preoccupante'”.

Condividi questo articolo!