Migranti: rinforzare organici delle forze dell’ordine

24 Agosto 2021

TRIESTE. “Gli appelli a rinforzare l’organico delle forze dell’ordine nei vari presidi sul territorio e nelle realtà più periferiche dell’area metropolitana di Trieste sono caduti nel vuoto e, di fronte agli ultimi rintracci di oltre 250 migranti, di cui 100 nelle ultime ore, per dare supporto alla polizia di Frontiera è stata lasciata solo una Volante a vigilare il nostro territorio, indebolendo ulteriormente il sistema di sicurezza”. Lo scrive in una nota il consigliere regionale della Lega, Giuseppe Ghersinich, ribadendo “la forte preoccupazione per una situazione di carenza di organico ormai insostenibile che va avanti da anni nonostante i numerosi appelli, in un momento storico così delicato per la rotta Balcanica con la crisi in Afghanistan e la preoccupazione sanitaria dettata dalla pandemia che rende il sistema ancora più vulnerabile”.

“Soprattutto in questi ultimi giorni sono emerse sia la mancanza di vigilanza da parte della Slovenia, primo territorio europeo confinante con Stati non aderenti a Schengen e Dublino, sia l’inadeguatezza delle pattuglie miste così come concepite che non coprono le 24 ore. Presto la situazione dei flussi migratori diventerà insostenibile e – aggiunge l’esponente della Lega – sarà necessario un hot spot per far fronte almeno in parte al problema. La sicurezza – conclude Ghersinich – deve essere garantita a tutti i cittadini, in particolare alle aree più difficili della città, ma anche al personale delle forze dell’ordine che non può continuare a operare sotto organico e con chiusure a singhiozzo”.

Condividi questo articolo!