MatchingDay (29 marzo) piace anche fuori regione

6 Marzo 2014

UDINE. Entra nel vivo la fase di iscrizione delle imprese e dei professionisti all’edizione 2014 del MatchingDay organizzata da Confartigianato Udine che si terrà sabato 29 marzo a Udine Fiere, e registra un aumento significativo delle imprese extraregionali facilitate da una iscrizione ancora più semplice e immediata (si può pagare la quota tramite carta di credito, al termine della procedura di registrazione e iscrizione sul sito www.matchingday.it).

“Al momento, un quarto delle imprese iscritte – spiega infatti Gian Luca Gortani, direttore di Confartigianato Udine – non sono locali e, sulla base dei dati delle precedenti edizioni, ci aspettiamo un 15-20% di partecipanti dalla Slovenia e dall’Austria e un 25-30% di imprese extra-friulane. Imprese e operatori – prosegue Gortani – che capiscono anche la convenienza della nostra proposta; infatti, per ottenere lo stesso numero e la stessa qualità di contatti garantiti dal MatchingDay abbiamo calcolato che una piccola impresa sopporterebbe costi economici anche 8 o 10 volte superiori, senza contare il tempo da impiegare e il fatto che questa giornata, a detta dei partecipanti, è una vera e propria iniezione di positività e ottimismo”. Confartigianato Udine invita quindi ad approfittare di questo appuntamento che attraverso incontri one-to-one mette le imprese e i professionisti nella condizione di conoscere in una sola giornata numerosi altri partner con cui avviare proficui rapporti di collaborazione.

Grazie al sostegno e alla collaborazione della Camera di commercio, dell’Asdi Sedia e dell’Ures-Sdgz quest’anno sarà svolta una attività di vero e proprio incoming degli operatori esteri che faciliterà il loro contatto e la loro interazione con gli altri partecipanti, anche attraverso una mediazione linguistica. Fra gli iscritti prevalgono a oggi quelli del settore arredo-mobili-complementi d’arredo (48%), il che non sorprende se si pensa che le tre parole chiave di questa edizione sono “design, tecnologie e materiali”. Seguono i servizi che gravitano attorno al digitale (20%) e gli altri servizi avanzati alle imprese (16%), mentre sono più in ritardo le imprese del comparto costruzioni (8%) e della meccanica (8%).

Decisamente varia ed equilibrata la dimensione delle imprese e degli operatori che si sono già iscritti al MatchingDay: nel 36% dei casi hanno fatturati inferiori ai 100mila euro, nel 44% fatturati compresi tra i 100mila e i 500mila euro e nel restante 20% fatturati superiori al mezzo milione.

Il MatchingDay è arrivato alla 6^ edizione consecutiva ed è nato direttamente dalle sollecitazioni raccolte da Confartigianato Udine all’esplodere della crisi. Molte imprese avevano infatti segnalato che un utile supporto dell’Associazione per affrontare la carenza di domanda e le crescenti pressioni competitive sarebbe derivato da occasioni di incontrare nuovi partner, nell’ambito di un territorio abbastanza ravvicinato, con cui sviluppare collaborazioni tecniche, organizzative, innovative e di mercato. In altre parole: una opportunità in più per ‘fare rete’.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!