L’estate porterà la chiusura al traffico di tre borghi udinesi

29 Maggio 2020

UDINE. Nuovo incontro fra categorie, operatori economici e Comune per discutere dell’estate udinese, oramai alle porte. «Apprezziamo molto – ha sottolineato il presidente di Confesercenti Udine, Marco Zoratti – l’impegno preso dall’Amministrazione per ravvivare la città nei mesi a venire». Da giugno a ottobre, infatti, saranno chiusi al traffico i Borghi Gemona, Poscolle e Aquileia. Dal venerdì alla domenica, in questo modo, bar, ristoranti e negozi potranno occupare la strada con sedie, tavolini e stand vari. «Un’iniziativa che sicuramente porterà un beneficio a negozianti, ristoratori e baristi», ha precisato Zoratti.

Durate l’incontro – cui hanno partecipato, assieme a Confesercenti, gli assessori Alessandro Ciani e Maurizio Franz, Eros Del Longo, comandante della polizia locale, i rappresentanti dei borghi, di Cna, Confcommercio e Confartigianato – sono state discusse ancora le «linee guida per le chiusure. Punti già concordati e ritenuti validi anche dalla Prefettura. L’unica problematica da risolvere – ha fatto sapere Zoratti – sarà la chiusura dei varchi delle strade. Con ogni probabilità la questione verrà risolta con delle autovetture, che fungeranno da blocco».

Su un punto, poi, il presidente di Confesercenti Udine ha voluto porre l’attenzione: «È importante sapere che non ci saranno costi aggiuntivi per gli esercenti e i commercianti, perciò da questa iniziativa si potranno tranne solo benefici. Inoltre, se a giugno verranno rispettate le consegne e non ci saranno problemi di assembramento, come ci auspichiamo, nei mesi successivi – ha concluso – potrebbero essere consentiti anche dei piccoli concerti o eventi, come richiesto dai rappresentanti dei Borghi, in particolare da quelli di via Aquileia».

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!