Legge sull’agricoltura sociale: cooperative sociali insoddisfatte

14 Luglio 2015
LucaFontana_2014

Luca Fontana, presidente regionale di Federsolidarietà

UDINE – Il Senato vara la legge sull’agricoltura sociale, ma per Federsolidarietà Fvg – 184 cooperative sociali a livello regionale per oltre 7 mila soci – è l’ennesima occasione persa a danno del terzo settore.

«Siamo molto delusi – dice Luca Fontana, presidente regionale di Federsolidarietà – perché il dibattito parlamentare ha introdotto un criterio legato al fatturato per coloro che svolgono agricoltura sociale, di fatto estromettendo la gran parte delle tante cooperative sociali che conducono anche iniziative di agricoltura sociale. Il contributo della cooperazione sociale, che realizza molte delle esperienze più significative di connubio tra agricoltura e approccio terapeutico e lavorativo attive anche nella nostra Regione – prosegue Fontana -, non può essere valutato con parametri legati solo al fatturato, ma si valorizza riconoscendo qualità e professionalità dei progetti e dei servizi erogati. A questo punto è importante che un errore di questo tipo non venga commesso anche nella nostra Regione dove auspichiamo che, in sede legislativa, sia invece riconosciuto il lavoro svolto dalla cooperazione», conclude Fontana.

Le fattorie sociali del Fvg, iscritte nell’apposito elenco gestito dall’Ersa, sono attualmente una decina.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!