Le filiere agroalimentari devono essere valorizzate

21 Febbraio 2015

UDINE. I prodotti delle quattro filiere agroalimentari dai campi alla tavola (latte e formaggi; vino; frumento e pane, le insalate pronte) sono stati al centro di questa edizione 2015 di Porte Aperte al Consorzio Agrario di Basiliano che si svolge il 21 e il 22 febbraio. E dell’importanza delle filiere, “l’unica arma nelle mani dell’agricoltura per restituire alle imprese agricole quelle marginalità che la globalizzazione e la concorrenza sfrenata stanno facendo loro perdere” ha parlato oggi il direttore del Consorzio Agrario Elsa Bigai, introducendo i lavori di un seminatio al quale sono intervenuti Gualtiero Gigante della Società Italiana Sementi (la filiera del frumento di qualità); Franco Saveri del Consorzio Agrario Fvg (analisi dei mercati dei cereali e dei semi oleosi); Sirio Rossano Secondo Cividino dell’Università di Udine (messa a norma e messa in sicurezza delle trattrici agricole); Nicola Zucchiatti, dell’Università di Udine (nuovi adempimenti nella gestione dei fitofarmaci).

“Con le giuste scelte varietali e con tecniche agronomiche adeguate – ha spiegato il direttore Bigai – anche in Fvg si può ottenere frumento di alta qualità per produrre farine per la panificazione, un prodotto che consenta ai coltivatori la possibilità di contare su un mercato sicuro e soprattutto su una remunerazione adeguata, un obiettivo al quale stiamo lavorando”. Non a caso oggi i prodotti del Forno Rurale, una delle società del Consorzio Agrario, attraverso la quale “stiamo producendo pane e pasticceria”, sono stati i protagonisti delle degustazioni.

Nel corso delle due giornate il Consorzio Agrario presenta anche le ultime novità in termini di macchinari, servizi di assistenza tecnica. Domani, domenica 22 febbraio, il Consorzio resterà aperto delle 9 alle 13.

Condividi questo articolo!