L’Aido chiede adesioni

24 Settembre 2013

UDINE. Ha preso il via la campagna AIDO nella provincia di Udine in vista della giornata nazionale d’informazione e autofinanziamento dell’Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule prevista per il 5 e 6 ottobre. In vari comuni della provincia udinese sono apparsi manifesti e locandine mentre numerosi sono i pieghevoli che vengono distribuiti. Il clou della campagna avverrà domenica 6 ottobre con la consegna dei flyers allo stadio Friuli in occasione di Udinese –Cagliari, ciò in virtù della disponibilità espressa in proposito dall’Udinese calcio. Tre gli ideatori della campagna: il dirigente nazionale AIDO Daniele Damele, la presidente regionale Fiorella Bernabei e quello provinciale Salvatore Saccoia che sono scesi in campo per invitare a parlare di donazione e scelta consapevole.

L’iniziativa ha il patrocinio della Provincia e del Comune di Udine, ma anche del Comitato Friul Tomorrow 2018 e dell’associazione Euretica. Sponsor tecnico dell’evento la D. B. Import di Udine. Ogni ulteriore informazione può essere richiesta inviando una mail a: udine.provincia@aido.it. A livello nazionale è attivo anche un numero verde: 800 736745.

Per aderire all’AIDO è sufficiente compilare il modulo di adesione scaricabile dal sito: www.aido.it firmarlo (3 firme) ed inviarlo in busta chiusa con affrancatura prioritaria (non occorre raccomandata) presso la sede Provinciale AIDO del luogo di residenza/domicilio, per Udine a: Segreteria AIDO provinciale di Udine – Ospedale di Latisana – Via Sabbionera, 45 – 33053 Latisana.

L’iscrizione all’A.I.D.O. è gratuita e, pertanto, non è obbligatorio indicare, nel modulo, il versamento di una somma. Ricevuto il modulo compilato e firmato, l’AIDO provvederà, entro 30 giorni, ad inviare il tesserino di adesione (Carta del donatore) all’indirizzo specificato nel modulo stesso. Il tesserino dovrà essere firmato e conservato con i documenti personali. I dati dell’associato sono inseriti nel database “Sistema Informativo A.I.D.O.”, comunicati al “Sistema Informativo Trapianti” del Ministero della Salute e, quindi, consultabili in tempo reale dalle Strutture Sanitarie competenti.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!